Libro “L’ umor nero. Alfabeto del nostro scontento” di Michele Ainis

Lo specchio della legge può aiutarci a comprendere meglio anche noi stessi, ciò che siamo diventati.

“Che cos’è la legge? È la banderuola d’un vecchio campanile, diceva Tolstoj: cambia a seconda di come spira il vento. Ma quel vento soffia dai nostri polmoni, dalle nostre gole: siamo noi, il vento. Anche se in genere non ci facciamo caso, e anzi siamo convinti del contrario. Ogni legge, insomma, è un po’ come uno specchio, una superficie riflettente. Noi, per lo più, ci concentriamo sullo specchio, senza osservare l’immagine riflessa. Ma in quell’immagine c’è la fotografia d’un popolo. Nelle regole giuridiche si riflette una storia nazionale, e poi le tradizioni, la cultura, l’etica, il costume; e si riverberano le passioni del momento. La cifra unificante del nostro sentimento, qui e oggi, sta tutta in un risentimento. Si condensa in un rancore collettivo che a sua volta s’alimenta d’insoddisfazione per come girano le cose, di presagi nefasti sul futuro, d’impoverimento economico e morale. Da qui il degrado dei nostri rapporti politici e civili, da qui i nostri cattivi umori. Da qui, infine, il racconto che si dipana attraverso questo libro: ventuno capitoletti disposti in ordine alfabetico, da Anagrafe a Zapping. L’alfabeto del nostro scontento.”

Tags: