Dallo studio citato nel seguente articolo, emerge come gli italiani abbiano effettivamente una conoscenza piuttosto lacunosa dell’olio d’oliva. Di questo argomento avevamo già parlato in precedenza, in un articolo nel quale si parlava, a maggior ragione, di una regione che è grande produttrice appunto di questo raffinato prodotto, la Sicilia (vedi l’articolo “La Sicilia che non ti aspetti“).

http://www.ilfattoalimentare.it/olio-extravergine-oliva-test.html

Olio extravergine d’oliva: pochi italiani conoscono la qualità. Un test dell’Università di Bologna pone seri interrogativi

Gli italiani non conoscono tutte le caratteristiche sensoriali dell’olio extravergine di oliva. È quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell’Università di Bologna (Barbieri et al., 2015) […]

Lo studio evidenzia come le qualità sensoriali dell’olio extravergine di oliva non siano del tutto note nemmeno ai consumatori italiani. Le persone, pur avendo gradito gli oli caratterizzati da sensazioni olfattive e retro-olfattive che ricordano le olive sane, fresche e le note riconducibili ai sentori di erba appena tagliata e mandorla verde, non hanno apprezzato il sapore amaro (un sapore, spesso erroneamente scambiato per “acido”, che invece è caratteristico degli oli extra vergini ad alto contenuto di polifenoli antiossidanti, dotati di proprietà salutistiche).

Un’altra evidenza riguarda la preferenza accordata dalla maggior parte dei consumatori agli oli con una certificazione d’origine (DOP), rispetto a quelli senza certificazione o a quelli venduti ad un prezzo inferiore ai 5 euro al litro. Secondo gli autori è importante ed urgente, anche in relazione ai continui scandali e polemiche che investono il settore oleario, spesso sterili e dannose per tutta la filiera, migliorare la comunicazione sugli olio extravergini, vergini e d’oliva. Tutti questi prodotti devono avere un mercato ed un prezzo corretto ed i consumatori devono essere in grado di poter scegliere consapevolmente conoscendone le proprietà nutrizionali, il gusto, le peculiarità e le differenze.

______________________________________________________

Vedi gli articoli:

Tags: ,