D’altra parte, ormai lo sappiamo bene: la ricerca, prima o poi, paga. Sempre. Nello specifico, scopriamo un po’ quanto la Fisica contribuisce a sostenere il Pil italiano:

http://oggiscienza.wordpress.com/2014/05/28/la-fisica-crea-ricchezza/

La fisica crea ricchezza

Contribuisce all’economia dell’Italia con 118 miliardi di euro, occupa più di un milione e mezzo di persone e se contiamo anche l’indotto arriviamo a sei milioni e mezzo di persone. Stiamo parlando del peso e del ruolo della Fisica – dai settori che studiano le particelle elementari fino a quelli impegnati nelle ricerche sull’universo. A dirlo è lo studio commissionato alla società di revisione Deloitte da Società Italiana di Fisica (Sif), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), Istituto di Ricerca Metrologica (Inrim) e Centro Fermi.

Dall’analisi emerge che la fisica genera ricchezza, contribuendo per il 7,4% al Pil del nostro Paese: per una volta un risultato solo leggermente al di sotto della media europea che si attesta intorno al 9%. Tra i settori in cui l’apporto della fisica è maggiore rientrano quello manifatturiero, seguito dalle attività di ricerca e sviluppo, dai trasporti, dalle comunicazioni e dalle infrastrutture.

Non solo la fisica rappresenta un volano dell’economia italiana, ma anche i posti di lavoro a essa legati direttamente o indirettamente sono molto più produttivi: circa il 20% in più rispetto alla media italiana.

Nonostante la crisi si sia fatta sentire anche nei settori basati sulla fisica, con la perdita di 114.000 posti di lavoro dal 2008 al 2011, queste attività, pur soffrendo gli effetti delle crisi, sono state in grado di resistere, e in alcuni casi addirittura aumentare il loro già elevato livello di produttività.

Finanziare la fisica, quindi, vale la pena. E questa volta sono i dati a dirlo.

http://www.sif.it/attivita/physics_economy

L’impatto della Fisica nell’Economia in Italia

__________________________________________________________________

Aggiornamento del 13 dicembre 2014:

IL CARNEVALE DELLA FISICA

carnevaledellafisica.blogspot.it

Il 30 novembre 1609, un uomo per la prima volta nella storia dell’umanità sollevava il suo cannocchiale al cielo, osservando da una angolazione del tutto nuova l’oggetto celeste più brillante del firmamento: la Luna.

Quest’uomo era Galileo Galilei.

Per celebrare il quadricentenario di questo grande evento i blog www.gravita-zero.org e www.gravedad-cero.org hanno lanciato insieme la prima edizione del CARNEVALE DELLA FISICA. Ogni 30 del mese si premiano e si pubblicano link a opere di divulgazione scientifica su web. […] 

COME PARTECIPARE

Il Carnevale della Fisica nasce in Italia nel 2009 ispirandosi al modello anglosassone dei Carnival of Science, per diffondere i contenuti del progresso scientifico al largo pubblico in una veste divertente.

CHI PUÒ PARTECIPARE?

Tutti a qualunque età. Studenti, insegnanti, divulgatori scientifici, giornalisti, blogger e semplici appassionati.

COME SI PARTECIPA

Inviando a redazione@gravita-zero.org entro il 29 del mese corrente l’indirizzo del link (esempio http://www…) di un proprio contributo divulgativo digitale. Vale l’invio di:

  • un post su un blog (pubblicato possibilmente nel mese corrente)
  • una registrazione audio pubblicata su un sito di audiosharing
  • un filmato video (es. vimeo, youtube pubblicata nell’anno corrente)
  • un articolo su una testata online
  • un ebook
  • un contributo di divulgativo pubblicato su qualsiasi social network  
  • una App o un programma  
  • una poesia, un Limerick, un brano letterario  
  • un disegno o una infografia 
  • un progetto o un oggetto realizzato per la stampa 3D – esempio
  • un progetto realizzato con ARDUINO esempio
TEMI  ACCETTATI 

I contributi accettati riguardano qualsiasi materia scientifica che possa descrivere un fenomeno naturale, un evento scientifico, una storia scientifica che ha attirato in qualche modo la vostra attenzione.

La fisica è la scienza della natura nel senso più ampio. Il termine “fisica” deriva dal neutro plurale latino physica, a sua volta derivante dal greco τὰ φυσικά [tà physiká], ovvero “le cose naturali” e da φύσις [physis], “natura”.  Lo scopo della fisica è lo studio dei fenomeni naturali, ossia di tutti gli eventi che possano essere descritti ovvero quantificati attraverso grandezze fisiche opportune, al fine di stabilire principi e leggi che regolano le interazioni tra le grandezze stesse e rendano conto delle loro reciproche variazioni [Wikipedia]

La scienza studiata a scuola o all’università, la geologia, l’astronomia, la fisica teorica, la meteorologia, le nanotecnologie, la biofisica, l’astrofisica, l’informatica, la tecnologia digitale, l’econofisica, le applicazioni biomedicali, la meccanica quantistica, la storia della scienza, recensioni di libri, di film, attività educative, argomenti storici, letterari, artistici, ecc.
FORME ESPRESSIVE POSSIBILI   

Tutte le forme narrative (saggistica, prosa, limerick, enigmistica, ecc.)
Tutte le forme artistiche (poesia, teatro, disegno)
Audio video: link a youtube, vimeo, podcast o mp3
Applicazioni software: app, programmi
Modelli in Stampa 3D ed elettronica con Arduino

Potrete segnalare i vostri contributi ma anche contributi di terze parti. In questo caso chi effettuerà la segnalazione verrà indicato insieme all’autore del contributo divulgativo.

Tags: , , , ,