http://www.cittadellascienza.it/notizie/nasce-zonascienze-il-portale-di-de-agostini-scuola-in-collaborazione-con-citta-della-scienza/

Nasce “ZonaScienze”, il portale di De Agostini Scuola in collaborazione con Città della Scienza

De Agostini Scuola inaugura ZonaScienze, un nuovo spazio on line per condividere contenuti ed esperienze nell’insegnamento delle scienze, in collaborazione con Fondazione IDIS-Città della Scienza di Napoli e Ospedale Humanitas di Milano. Il progetto, frutto della collaborazione con i due enti, si pone l’obiettivo di incrementare la diffusione del sapere scientifico con particolare riferimento al mondo della scuola. I principali destinatari dell’iniziativa sono gli insegnanti e gli studenti della Scuola Secondaria di primo e di secondo grado.

Collegandosi al sito deascuola.it, si potrà accedere al nuovo portale ZonaScienze:

  • un ambiente, aggiornato costantemente, dove consultare e utilizzare elaborati didattici e contenuti formativi selezionati prodotti dalle scuole e integrati con contribuiti didattici realizzati da Città della Scienza;
  • un’area di risorse dedicate all’informazione sulla salute e alla prevenzione fin dall’età scolare realizzati dall’Istituto Clinico Humanitas di Milano;
  • una vetrina dove esporre i nuovi materiali didattici creati dalle scuole;
  • un blog dove commentare gli elaborati pubblicati e dare suggerimenti agli utenti circa l’utilizzo dei materiali on line.

ZonaScienze vuole essere un luogo di informazione, formazione e scambio di risorse e di opinioni su materie scientifiche oggetto di insegnamento scolastico, dove i docenti avranno la possibilità di scambiare, condividere e discutere i materiali didattici realizzati dalle scuole stesse.

Il portale, che verrà via via implementato e arricchito di contenuti, avrà libero accesso nella fase iniziale, mentre con l’inizio del nuovo anno scolastico 2014/15, sarà richiesta la registrazione per fruire della totalità dei contenuti.

[…] “De Agostini Scuola, già da qualche tempo, ha avviato collaborazioni importanti con Enti e Istituzioni per favorire lo scambio e la valorizzazione di esperienze che rappresentano una risorsa per la didattica” – dichiara Roberto Devalle, Amministatore Delegato di De Agostini Scuola. – “Il nostro desiderio è quello di favorire un apprendimento più stimolante attraverso l’utilizzo di strumenti didattici innovativi e di diffondere nella scuola, anche attraverso i nuovi media, l’informazione e la conoscenza in termini di prevenzione e difesa della salute. In questa ottica il portale ZonaScienze, consente di unire le competenze di un editore come De Agostini Scuola con quelle della Fondazione IDIS-Città della Scienza e dell’Ospedale Humanitas da anni impegnate per la diffusione del sapere scientifico e della prevenzione, come esempio virtuoso di un nuovo approccio all’insegnamento e alla formazione”.

___________________________________________________________________

http://www.scientix.eu/web/guest/home

SCIENTIX- LA COMUNITA’ PER L’INSEGNAMENTO DELLA SCIENZA IN EUROPA

Scientix promuove e supporta la collaborazione a livello europeo tra insegnanti delle discipline STEM (scienze, tecnologie, ingegneria e matematica), ricercatori in ambito pedagogico, decisori politici e altri professionisti dell’educazione STEM.

Nella sua prima fase (2009-2012), il progetto ha creato un portale online per raccogliere e presentare progetti europei di educazione STEM e i loro risultati e ha organizzato numerosi workshop per insegnanti. Il principale evento di networking è stato il convegno Scientix svoltosi a maggio 2011 a Bruxelles.

L’obiettivo della seconda fase (2013-2015) è espandersi a livello nazionale. Tramite la rete dei Punti Nazionali di Contatto (PNC), Scientix vuole raggiungere le comunità nazionali di insegnanti e contribuire allo sviluppo di strategie nazionali per un utilizzo più ampio di approcci basati sull’indagine e di altre metodologie innovative per l’insegnamento delle scienze e della matematica.

COME TRARRE BENEFICI DA SCIENTIX?

I principali partner di Scientix sono insegnanti, ricercatori e responsabili di progetto nel settore dell’educazione STEM e decisori politici. Ognuno di questi gruppi può trarre benefici dalle attività e dagli eventi di Scientix.

GLI INSEGNANTI POSSONO:

  • navigare nell’archivio delle risorse di Scientix e trovare stimoli per la programmazione delle lezioni
  • prendere parte a progetti europei di educazione STEM tramite il nostro strumento di abbinamento
  • partecipare a workshop nazionali ed europei e a corsi di sviluppo professionale
  • iscriversi al 2° convegno Scientix che si terrà dal 24 al 26 ottobre 2014 a Bruxelles
  • partecipare a corsi di formazione online, webinar o comunità di pratica

I RICERCATORI/RESPONSABILI DI PROGETTO POSSONO:

  • trovare insegnanti o scuole con cui collaborare nell’elenco dei profili pubblici di Scientix
  • navigare nella biblioteca che raccoglie i rapporti dei progetti
  • partecipare agli eventi Scientix di networking per progetti di educazione STEM
  • co-organizzare un evento con Scientix, aumentando la possibilità di divulgazione e il numero dei partecipanti
  • presentare il proprio progetto al 2° convegno Scientix che si terrà dal 24 al 26 ottobre 2014 a Bruxelles

I DECISORI POLITICI POSSONO:

  • trovare informazioni sulle strategie nazionali relative all’educazione STEM
  • mantenersi aggiornati sullo stato delle cose nel settore della ricerca e pratica dell’educazione STEM tramite l’osservatorio Scientix
  • entrare in contatto con la comunità educativa STEM al 2° convegno Scientix che si terrà dal 24 al 26 ottobre 2014 a Bruxelles

Nato come iniziativa della Commissione europea, Scientix è gestito da European Schoolnet (EUN) nell’ambito del 7° programma quadro dell’Unione Europea. EUN è un consorzio di 30 Ministeri dell’Istruzione in Europa. Dalla sua fondazione nel 1997 è diventata una tra le principali organizzazioni che guidano l’innovazione nell’insegnamento e apprendimento e che promuovono la collaborazione tra insegnanti e scuole a livello europeo. Ha sede in Belgio a Bruxelles.

___________________________________________________________________

Aggiornamento del 17 luglio 2014:

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2014-07-14/scuola-frontiera-inclusione–093959.shtml?uuid=ABArLYaB

Scuola frontiera dell’inclusione

___________________________________________________________________

Aggiornamento del 31 marzo 2015:

https://oggiscienza.wordpress.com/2015/03/19/vedere-la-biologia/

Vedere la biologia

Si chiama SciVis ed è un progetto italiano che integra la biologia all’animazione grafica

Nato formalmente nel 2005, il progetto SciVis ha una lunga gestazione che segue i veloci avanzamenti della biologia e i passi da gigante della computer graphics. “Quando studiavo biologia all’università” – ci racconta Monica Zoppè, una delle fondatrici del progetto – “pensavo che sarebbe stato bello riuscire a vedere quello che succede dentro le cellule, come se fosse un film”. Poi negli anni 2000 due cose hanno coinciso per raggiungere questo obiettivo: l’aumento delle conoscenze nella biologia strutturale e la possibilità di costruire virtualmente in 3D qualsiasi tipo di ambiente, riproponendolo in video con immagini convincenti.

E a questo punto il desiderio di Monica e dei colleghi si va concretizzando. Dopo vari finanziamenti regionali, nasce il gruppo SciVis, composto da programmatori, fisici, chimici, matematici e biologi. Insieme sviluppano BioBlender, uno strumento informatico che si interfaccia con un pacchetto di computer graphics, essenziale per produrre le prime animazioni molecolari. Nei primi lavori i protagonisti sono quasi esclusivamente le proteine. “Da un punto di vista visivo solo le proteine sono davvero interessanti” – spiega Monica Zoppè – “nel DNA ci sono sì tutte le istruzioni, ma la varietà delle forme e delle attività delle proteine non è paragonabile. È un po’ la differenza che ci può essere tra una sceneggiatura e il film vero e proprio: dalla stessa sceneggiatura, a seconda degli attori e dei registi scelti, si potrebbero trarre film assai differenti”. […]

“L’ultima produzione, poi, è stato un lavoro di grande soddisfazione”, conclude Monica, “perché è stato richiesto da una casa di produzione cinematografica tedesca”. Il film, dal titolo The Dark Gene, dovrebbe uscire nelle sale quest’estate, anche se non si conosce ancora se sarà distribuito in Italia.

___________________________________________________________________

Aggiornamento del 12 ottobre 2015:

http://oggiscienza.it/2015/09/23/siti-insegnare-imparare-scienze-scuola/

10 siti utili per insegnare e imparare le scienze

È ormai risaputo che il web è pieno di eccellenti risorse per insegnanti e studenti sulle scienze. Tuttavia trovare i siti migliori può diventare una vera sfida. Abbiamo perciò deciso di elencarvene alcuni, italiani e stranieri. Vorremmo fornirvi non una classifica, ma una lista di siti utili e interessanti. Alcuni sono autentiche risorse per l’insegnamento e l’apprendimento, altri potrebbero fornire spunti interessanti o un utile divertimento. Chiaramente, se conoscete altri siti che potrebbero rientrare in questo elenco, in inglese o italiano, non esitate a linkarli nei commenti!

  • Il primo suggerimento è Matematicamente. Si tratta di un sito per studenti e insegnanti completo che fornisce lezioni, test, esercizi e appunti. Inoltre offre la possibilità di scaricare o acquistare manuali in formato e-book. Il sito ha una parte dedicata all’esame di stato e un forum ben frequentato.
  • Curato dai ricercatori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il portale d’informazione e divulgazione scientifica Scienza per tutti trasforma notizie e argomenti scientifici in temi di dibattito pubblico. Il portale offre spiegazioni semplici ed efficaci, così da renderle comprensibili per tutti gli appassionati di esperimenti scientifici. Inoltre il portale da la possibilità agi utenti di interagire con gli esperti con la sezione “Fai una domanda”.
  • Amicascienza è un sito divertente dove si possono trovare materiali scientifici, risorse e spunti scelti per studenti e insegnanti della scuola secondaria di primo e secondo grado.
  • Mad Scientist presenta diverse attività in campo scientifico ma privilegia sempre l’aspetto pratico. Il sito cerca di realizzare delle esperienze e insegnare a costruire semplici apparecchiature.
  • Fun Science Gallery è il sito dello scienziato dilettante. Presenta attività in campo scientifico, con particolare riferimento all’ottica e alla microscopia. Propone la costruzione di microscopi e telescopi, ma vi sono anche articoli ed esperimenti che vanno a toccare molti altri argomenti.
  • Scoprite una vasta gamma di video sugli elementi chimici e altri argomenti di chimica sul divertente sito Periodic Table of Video.
  • PhET Simulations fornisce decine di fantastiche simulazioni di fisica, chimica e biologia. Il sito comprende anche una raccolta di attività per gli insegnanti, esperienze di laboratorio e compiti a casa che possono essere utilizzati con le simulazioni.
  • Sito web Understanding Science della Berkeley University è utilissimo per tutti gli insegnanti di scienze. È una grande risorsa per l’apprendimento della scienza. Understanding science offre anche una varietà di risorse didattiche, tra cui casi di studio di scoperte scientifiche e lezioni per divise in vari livelli.
  • Il sito web della Berkeley University Understanding Evolution è il precursore di Understanding Science. Il sito offre una pletora di risorse, notizie e lezioni per insegnare l’evoluzione. Le lezioni forniscono adeguati aiuti per gli studenti di qualsiasi livello. La sezione “Evo 101” offre una grande panoramica della scienza dietro l’evoluzione e le molteplici prove che sostengono questa teoria.
  • Infine The Earth Exploration Toolbook prevede una serie di attività, strumenti e casi di studio per l’utilizzo di set di dati con gli studenti.

Tags: , , , , , , , ,