Tra le varie norme a tutela della salute dei cittadini, spicca la costituzione di reti poliambulatoriali territoriali, aperte 7 giorni su 7, che dovrebbero operare a sostegno delle strutture opedaliere. Sicuramente una cosa positiva, ma con quali fondi verranno costituite? Le altre norme appaiono come delle facili e scontate regole dettate dal buon senso, perciò il dubbio più grande sulla fattibilità del decreto rimane appunto quello sui suddetti poliambulatori.

L.D.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=217894&sez=PRIMOPIANO&ssez=SANITA

Sanità, medici di base 7 giorni su 7
Ambulatori sempre aperti

[…] La riforma, spiegano dal ministero della Sanità, è una necessità perché, oltre a tutelare «corretti stili di vita», risponde all’esigenza di contenere i costi. Il servizio sanitario nazionale, già colpito da una riduzione di fondi di 5 miliardi a partire dal 2014 (manovra Tremonti 2011 ), ha infatti ricevuto, con la spending review, un ulteriore taglio da 4,7 miliardi per il prossimo triennio.

[…] disposizione che impone una distanza minima di 200 metri da scuole, ospedali e luoghi di culto per le nuove sale scommesse, bingo e slot machine. […] evidente il contrasto ai fenomeni di ludopatia […]

Inoltre vengono vietate le «comunicazioni commerciali audiovisive e radiofoniche, dirette o indirette, che inducano all’acquisto di prodotti o alla partecipazione ad attività di gioco con vincita di denaro, quali lotterie, concorsi a premio, scommesse sportive, newlot o ad attività, anche online, finalizzate alla riscossione di somme di denaro, la cui vincita sia determinata esclusivamente dal caso, all’interno di programmi radiotelevisivi rivolti ai minori nei venti minuti precedenti e successivi alla trasmissione degli stessi e nell’intera fascia oraria dalle 16 alle 19.30». […]

obbligo, dal primo gennaio 2013, della presenza di almeno il 20% di succo naturale nelle bevande analcoliche con frutta. Innalzata dunque la soglia minima del 12% con conseguente aumento del consumo di arance di 200 milioni di tonnellate. […]

Medici di base 7 giorni su 7. Conferma anche per la «costituzione di reti di poliambulatori territoriali dotati di strumentazione di base, aperti al pubblico per tutto l’arco della giornata, nonché nei giorni prefestivi e festivi con idonea turnazione, che operano in coordinamento e in collegamento telematico con le strutture ospedaliere». Insomma, sparisce il medico di base e arriva l’assistenza h24 affidata a un pool di professionisti che lavoreranno in equipe.

06 Settembre 2012

____________________________________________________________________________

Aggiornamento del 18 settembre 2012:

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=10883

Decreto Balduzzi. Assistenza sul territorio H24? Per i medici di base è irrealistica

Lo rileva un sondaggio di Health Monitor CompuGroup Medical e Sole-24 Ore Sanità, a cui hanno risposto 2.010 medici, sulle modifiche introdotte dal Dl Balduzzi per le cure primarie. Non piace nemmeno il ruolo unico, mentre sono tutti d’accordo per riaprire il tavolo delle convenzioni bloccate fino al 2015.

18 SET – Garantire l’assistenza territoriale 24 ore al giono per 7 giorni alla settimana è un obiettivo non “realistico” e non “fattibile”. La pensa così l’85% dei medici intervistati nell’ambito di un’indagine realizzata da Health Monitor CompuGroup Medical, un’iniziativa di CompuGroup Italia in sinergia con Il Sole-24 Ore Sanità, e riferita alle disposizioni per il riordino delle cure primarie previste dal decreto legge Balduzzi all’esame del Parlamento. A rincarare la dose arriva un altro 79% dei 2.010 medici intervistati (1.591 medici di medicina generale e 419 pediatri di libera scelta) che è convinto che la sanità sul territorio non sia in grado di assorbire la mancanza di posti letto ospedalieri causata dalla spending review. […]

Ma allora cosa bisognerebbe fare per migliorare l’assistenza sul territorio? Per gli intervistati servirebbe aumentare il personale (infermieri e collaboratori di studio), potenziare la diagnostica di base negli ambulatori e rivedere il sistema di formazione. […]

18 settembre 2012

 

Tags: ,