Tra le numerose problematiche di sprechi della Sicilia, emerge un enorme problema legato alla difficoltà di questa regione di presentare all’Europa progetti per ricevere finanziamenti dedicati. Incredibilmente infatti vengono fermati 600 milioni (rimborso per spese sostenute) e forse verranno bloccati 6 miliardi per investimenti nelle aree depresse.
Il problema sta nelle irregolarità di assegnazione degli appalti e nella carenza nella gestione dei controlli.

  • Dei 6 miliardi potenzialmente ricevibili, la Sicilia ha stimato di riuscire ad usarne solo il 14,5%!!!!
  • Assessorati bilancio famiglia: di 200mil disponibili ne sono stati impiegati 0
  • Infrastrutture: di 2 mld disponibili, impiegati 370mil €

N.B. Ma, anche quando i progetti vengono accettati e le infrastrutture realizzate, la Sicilia riesce a dare il suo meglio per non portare a compimento le opere, come dimostra il caso dell’aeroporto di Comiso: esiste anche il sito internet, eppure non è mai entrato in funzione, sicché ora l’Europa rivuole indietro i finanziamenti investiti!!! Sembra assurdo, eppure è tutto vero…

www.aeroportodicomiso.it/

Benvenuti nel Sito internet ufficiale dell’aeroporto di Comiso. Il sito è stato pensato e creato come lo specchio della nostra Provincia. Oltre ad offrire le informazioni sui futuri voli e servizi riguardanti la nuova infrastruttura, il sito presenta una dettagliata panoramica della Provincia di Ragusa e di tutti i comuni, ripercorrendo la storia e le tradizioni tipiche di questi luoghi. Il nostro obiettivo è fornire informazioni su larga scala, dalla ricezione alla ristorazione, dalle informazioni turistiche alle agenzie di viaggio e di noleggio e trasporti, ecc., per presentare il nostro territorio ai visitatori.

http://livesicilia.it/2012/09/03/aeroporto-di-comiso-ora-lue-vuole-indietro-i-fondi

Aeroporto di Comiso: ora l’Ue vuole indietro i fondi

L’Unione europea minaccia la revoca dei 20 milioni di euro di fondi strutturali già erogati per la costruzione dello scalo qualora questo non dovesse aprire quanto prima. […]

Lunedì 03 Settembre 2012

di Gabriele Ruggieri

[…] Il primo ad intervenire in merito è stato il presidente dell’Enac, Vito Riggio. “I lavori dell’aeroporto di Comiso – spiega il presidente dell’Ente garante dell’aviazione civile – avrebbero dovuto essere consegnati nel 2007, ma non sono mai stati portati del tutto a compimento. La società deputata a gestire l’aeroporto è la stessa che gestisce quello di Catania e pretende dei finanziamenti statali per poter procedere all’apertura, ma quello di Comiso non è uno scalo statale, affronti questa società le spese relativi ai servizi”. E dire che nel 2007 l’aeroporto era stato inaugurato alla presenza delle alte autorità dello Stato, con tanto di partenza del primo volo. Primo ed ultimo finora. […]

____________________________________________________________

Aggiornamento del 16 aprile 2013:

Ecco come sono stati utilizzati dall’ex governatore Lombardo ben 260 milioni derivanti da fondi europei… una vera vergogna!!!

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2013/04/12/news/l_ultimo_regalo_da_280_milioni_alla_formazione_mangiasoldi-56474702/

L’ultimo regalo da 280 milioni
alla Formazione mangiasoldi

Corsi per assaggiatore di formaggi e “gestore dei conflitti” mentre le imprese cercano, senza trovarli, tecnici e operai specializzati. L’ultimo cadeau del governo Lombardo agli enti mangiasoldi

di ANTONIO FRASCHILLA – 12 aprile 2013

Oltre 280 milioni di euro gettati al vento per finanziare corsi con uno o due allievi e, ancora peggio, per formare più massaggiatori shiatsu che saldatori, più barman acrobatici che falegnami, più esperti in “regole del vivere civile” che elettricisti, più badanti che tornitori. Per non parlare della miriade di estetiste e parrucchiere, oltre cinquecento quelle che saranno formate, rispetto ad appena venti restauratori. Oppure dei quasi duemila esperti del web a fronte di appena cento sarti. […] Ma dove andranno a lavorare tutti questi esperti informatici, che tra l’altro devono superare la concorrenza di ben più qualificati laureati nel settore? […]

Tags: , , , ,