Indagato Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, per aver sottratto oltre 13 milioni di euro al partito. Ma nessuno del partito se n’era accorto… vogliamo davvero crederci? Facciamo un po’ fatica…..

Le situazioni possibili, secondo noi, possono essere soltanto due:

1. Che nelle casse del partito ci fossero stati tanti di quei milioni da non accorgersi che ne ne erano spariti “soltanto” 13, finiti appunto nel conto in banca dell’allora tesoriere Lusi;

2. Che tutti fossero d’accordo nella spartizione dei milioni di euro entrati in possesso del partito, grazie alle leggi create appositamente dalla “casta” per autofinanziare gli stessi partiti (potete leggere in proposito il nostro articolo “L’ennesima conferma della malafede di chi ci governa: il caso dei rimborsi ai partiti“.

In ogni caso, regna nel mondo politico (sia nella sinistra che nella destra) la priorità dei propri interessi personali. Ciò può essere difficile da dimostrare attraverso dei processi giudiziari (cosa che in alcune circostanze, come in quella qui citata, fortunatamente accade), ma i fatti di cronaca ce ne danno spesso dimostrazione…

N.B. Noi “gente comune” facciamo moltissima fatica a comprarci o a ristrutturare un appartamento o una casetta (lo sto sperimentando anch’io, in primissima persona!), mentre il caro Lusi, come tutti gli appartenenti a questa impertinente “razza umana”, a fronte di nessuno sforzo e nessun sacrificio, ha potuto permettersi non solo una villa, ma anche altre cinque case, oltre a viaggi, cene extra-lusso, eccetera eccetera (lasciamo perdere i dettagli visto che, per arrabbiarsi di meno, forse è meglio non saperli nemmeno)… che vergogna…

_____________________________________________________________

Democrazia è Libertà – La Margherita

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
[…] Lusi, in seguito, dichiara che parte di questi soldi sono andati a vari esponenti politici del partito: Enrico Letta, Francesco Rutelli, Matteo Renzi, Rosy Bindi e Giuseppe Fioroni.

Il 20 giugno dello stesso anno il Senato vota a favore dell’arresto di Lusi e da quel giorno egli è detenuto presso il carcere romano di Rebibbia. […]

_____________________________________________________________

L.D.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/31/dirotto-rimborsi-milioni-sulle-societa-indagato-tesoriere-della-margherita/187919/

“Dirottò rimborsi per 13 milioni sulle sue società”. Indagato ex tesoriere Margherita

Per i pm di Roma, dal 2008 al 2011 Luigi Lusi si è appropriato dei rimborsi elettorali e di alcuni finanziamenti del Pd. Il tutto senza che nessuno si sia accorto di nulla, a meno che l’accusato non stia coprendo qualcuno: su questo punto gli inquirenti vogliono vederci chiaro. E intanto Francesco Rutelli scarica l’ex responsabile delle casse margheritine e attuale senatore democratico

Per i pm di Roma, il tesoriere dirottava su società a lui riconducibili milioni e milioni di euro di proprietà del suo partito e usava quei soldi (tredici milioni dilazionati in novanta bonifici ‘sospetti’) per scopi personali, tra cui l’acquisto di una casa nel pieno centro di Roma. Il tutto, come se nulla fosse. Transazioni finanziarie non isolate, d’altronde, per un’azione andata avanti per ben due anni e mezzo, tra il gennaio 2008 e l’estate del 2011. E nell’arco di tempo in questione, il presunto ‘gabbato’ non si accorge di nulla. Possibile? […]

La somma non è stata ufficialmente confermata, ma dovrebbe aggirarsi attorno a 13 milioni. […] Oltre a Lusi, l’unico ad avere potere di firma per il trasferimento delle somme era Francesco Rutelli, già leader della Margherita-Dl. Ma l’attuale segretario dell’Api ha deciso di scaricare Lusi: […] si è costituito parte offesa nel procedimento. […]

Il diretto interessato, però, racconta una storia diversa. O, meglio, si limita a dichiarazioni che offrono il fianco a varie interpretazioni. “Ho parlato con i giudici e mi sono assunto le responsabilità di tutto e di tutti” ha detto Lusi al Corriere della Sera. Chi sono quei ‘tutti’? L’ex tesoriere della Margherita preferisce tacere, così come sull’ipotesi di patteggiare la pena per quello che ha fatto. “Le dirò solo quel che qualunque tesoriere di un partito deve dire se succede qualcosa, e cioè che mi assumo ogni responsabilità”. […]

http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2012/03/08/luigi_lusi_sequestrate_case_milioni_euro_guardia_di_finanza_ex_tesoriere_margherita_senatore.html

Lusi: sequestrata una villa, 5 case e 2 milioni di euro

08 marzo, 2012

[…] I cinque appartamenti sequestrati si trovano a Capistrello, provincia dell’Aquila. Mentre la villa, in usufrutto ad una nipote di Lusi, è ad Ariccia. I due milioni di euro sono depositati invece su conti correnti presso la Allianz Bank. […]

http://blog.panorama.it/italia/2012/03/10/lusi-le-spese-folli-tra-vacanze-di-lusso-champagne-e-ristoranti/

Luigi Lusi e le spese folli tra vacanze di lusso, champagne e ristoranti

Vacanze a Toronto, Birmingham, Parigi, Bahamas. E poi ristoranti, biglietti aerei, alberghi, taxi. Un totale di 218.250 euro. Solo nel 2011. È il conto dei sollazzi di Luigi Lusi, l’ex tesoriere della Margherita, sotto indagine per appropriazione indebita di 25 milioni di euro dai soldi del partito per l’acquisto di immobili e per spese senza controllo (qui gli assegni pubblicati in esclusiva da Panorama).

È la società di consulenza Kpmg ad aver preparato il dossier con l’elenco delle spese (folli) di Lusi nell’ambito della ricognizione sui conti della Margherita tra il 2007 e il 2011. […] Oltre alla villa di proprietà alle porte di Roma a Genzano (qui la vera storia della residenza di lusso) “pagata” a quanto pare dal partito della Margherita, ecco alcune spese folli che vi fanno rendere bene conto di come l’ex tesoriere spendeva (a tratti in modo compulsivo) i soldi liquidi del partito custoditi nel conto Bnl 7975 da cui ha prelevato, in 4 anni, 1.399.100 euro: circa 30 mila al mese.

80 mila euro: è quanto è costata a Lusi (anzi, alla Margherita), euro in più euro in meno, la vacanza per 7 persone tra Toronto, Nassau, Roma e l’atollo di Kamalame (Bahamas) nel mese di aprile del 2011. Addebbitata, ovviamente, sui conti del partito con tre diversi bonifici: un primo acconto di 33.288 euro, un secondo di 20.094 euro, un saldo di 27.020.

20 mila euro: è la “cresta” fatta da Lusi per il suo rimborso spese del mese di marzo del 2007. Un totale di 8.028 euro che diventano 28.028 euro con l’aggiunta di un semplice 2 davanti alla cifra reale. Soldi che finiscono su un suo conto corrente cointestato con il fratello Antonino, sindaco Pd di Capistrello, dice La Repubblica.

8.700 euro: è la penale pagata per la cancellazione del viaggio per il week-end lungo dal 30 agosto al 3 settembre del 2001 a Sveti Stefan in Montenegro (conto di 11.600 euro) in un resort extra-lusso.

1.500 euro: è il conto al ristorante “Da Mauro” a Carsoli (L’Aquila), per delle specialità di carne e funghi porcini. In quanti abbiano pasteggiato, in realtà, questa volta non è dato sapere.

637 euro: è il conto della cena al ristorante romano “La Rosetta” che si trova alle spalle del Pantheon. Ostriche, tartufi e un meraviglioso piatto di spaghetti al caviale da 180 euro. E questa volta in quanti gozzovigliavano a spese della Margherita è certo: due persone. Ben servite.

  • ilaria.molinari
  • 10 Marzo 2012

http://isegretidellacasta.blogspot.it/2012/03/quei-milioni-di-euro-inghiottiti-dalla.html?m=1

28 marzo 2012

Quei milioni di euro inghiottiti dalla Margherita

L’ex tesoriere della Margherita Luigi Luisi parla. Anzi, sarebbe meglio dire: vuota il sacco. E quel che dice ai magistrati non è affatto piacevole. I vari Rutelli & Co. rinnegano il loro compagno di partito. Gli danno del “ladro” e si tirano fuori. Ma Lusi ha dichiarato: “C’è stato un accordo per spartirsi i soldi tra alcuni esponenti del partito. I vertici sapevano”. C’è da scommeterci, che lo sapevano. Lusi dice che faceva da garante, che sui conti spese c’era il suo nome, ma i soldi erano anche per gli altri. Prenotazioni per lunghi viaggi in aereo, piacevoli soggiorni in lussuosi hotel a 5 stelle, conti stratosferici in ristoranti di classe. Tutto pagato con la carta di credito. Del partito. Tutto che figura a nome di Lusi, certo, che non per questo è da considerarsi innocente. Ma tutto in ogni caso riconducibile agli altri notabili della Margherita. Compreso il grosso dei fondi illeciti, quelli finiti nell’acquisto di immobili. “Io li compravo. Ma in molti casi, li ho solo presi in uso,” facendo intendere che quelle case non erano per lui, ma sempre, di nuovo, per il partito. O per altri che, i soldi di finanziamento dati al partito – e parliamo di decine di milioni di euro – li maneggiavano a proprio piacemento. Il centrosinistra, con il suo bel baraccone da Repubblica della Casta, è avvertito.

_____________________________________________________________

Aggiornamento del 3 aprile 2012:

La Procura di Roma ha chiesto al Senato l’autorizzazione all’arresto del senatore Lusi, ex tesoriere della Margherita:

http://www.ilgiornale.it/interni/lusi_pm_chiedono_arresto/arresto_lusi-fondi_partito-ex_tesoriere_margherita_francesco_rutelli-luigi_lusi/03-05-2012/articolo-id=585987-page=0-comments=6

Lusi, procura chiede arresto: “Ha realizzato il saccheggio delle casse della Margherita”

di Raffaello Binelli – 03 maggio 2012

[…] Secondo gli inquirenti il senatore ha posto in essere “un’attività di vero e proprio saccheggio a fini privati delle casse del partito”, dimostrando “una consapevole, programmatica indifferenza per i fini cui quel denaro doveva essere destinato, per la garanzia di effettività di strumenti essenziali per la dialettica politica, e ciò ad onta del ruolo parlamentare ricoperto”. Nelle carte si legge che per il suo secondo matrimonio, nel luglio del 2009, Lusi avrebbe speso oltre 30 mila euro per lo chef Antonello Colonna pagando con assegni della Margherita. […]

_____________________________________________________________

Aggiornamento dell’8 agosto 2012:

http://www.nanopress.it/cronaca/2012/08/07/lusi-la-sua-villa-a-genzano-sembra-un-albergo-di-lusso_P9165225.html

Lusi: la sua villa a Genzano sembra un albergo di lusso

La villa comprata con i soldi della Margherita da Luigi Lusi sembra proprio un albergo di lusso. Composta da oltre tre ettari di parco con campo di calcetto e area barbecue. Almeno 1.600 metri quadri di casa suddivisi su quattro piani con parquet e marmi dorati, ascensore interno e vasca idromassaggio sul terrazzo padronale che affaccia sul panorama del lago. Ci sono due cucine, una laccata di rosso, l’altra attrezzata con frigo, friggitrici e forni come fosse quella del ristorante di un grande chef. Al piano interrato ci sono la sala biliardo, la palestra, la sauna e un’immensa cantina. Annesso al corpo principale, c’è una dependance per la servitù composta da due stanze e due bagni che misura almeno 80 metri quadri.

Pubblicato il 7 Ago 2012

Ecco a voi il LINK con le fotografie… guardate ed arrabbiatevi…

Tags: , , , , ,