Al sondaggio online di Radio Padania gli ascoltatori rispondono in modo inequivocabile: i 3/4 dei votanti si ritengono pienamente soddisfatti del premier Monti.

Ovviamente Radio Padania ha immediatamente oscurato il sondaggio, ma rimangono le registrazioni di quello che farebbe pensare ad una forte distanza tra il leghista militante ed il partito (ed anche al solito oscurantismo di fondo…)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/25/lega-allopposizione-sito-radio-padania-base-tifo-monti/186406/

La Lega va all’opposizione, ma dal sito di Radio Padania la base fa il tifo per Monti

L’emittente di via Bellerio, infatti, ha proposto un sondaggio online in cui chiede: “Cosa ne pensi dei primi mesi di attività del governo Monti?”. L’esito è sorprendente: oltre il 75% si è schierato dalla parte del governo.

Oggi la Lega Nord è l’unico partito all’opposizione. Perché il governo Monti, secondo gli esponenti del Carroccio, è “l’esecutivo dei banchieri e dei poteri forti”. Eppure sul sito di Radio Padania emerge che la base del movimento non sia altrettanto compatta contro i ministri tecnici. L’emittente di via Bellerio, infatti, ha proposto un sondaggio online in cui chiede: “Cosa ne pensi dei primi mesi di attività del governo Monti?”. L’esito è sorprendente: oltre il 75% si è schierato dalla parte del governo.

Il 57% degli utenti (1768 voti) si è detto “molto soddisfatto”, seguito dal 18,5% (566) che si dichiara “soddisfatto”. Al contrario solo il 18,8% (576) si definisce “arrabbiato”, il 2,2% (68) “deluso” e il 2,8 (87) “molto deluso”. Risultati che tracciano un’opinione nettamente a favore di Monti e della sua squadra, mentre poco meno del 25% sposa la linea dei colonnelli di rimanere all’opposizione.

Numeri che alimentano il sospetto di un Carroccio che a Roma segue una linea diversa rispetto a quella indicata dalla base. Tuttavia i dirigenti del partito non sono d’accordo, anche se faticano a trovare spiegazioni dinanzi all’esito del sondaggio.

“Probabilmente hanno votato tutti i parenti di Mario Monti – scherza il deputato Gianluca Buonanno – . Non credo siano i nostri ascoltatori che hanno votato, questo risultato non è veritiero”.

Eppure è pubblicato sul sito di Radio Padania. “Certo, ma posso assicurare che i militanti che incontro io tutti i giorni non sono dalla parte di questo governo, che non è certo visto bene dalla base”. Della stessa opinione Matteo Salvini, eurodeputato e capogruppo della Lega a Milano che taglia corto: “Questo risultato non corrisponde affatto a quanto emerge dalle telefonate che arrivano in radio” e ritiene che i tremila voti online non esprimano gli umori profondi dei simpatizzanti.

A differenza dei colleghi, però, Mario Borghezio trova conferme nei voti espressi dagli utenti. Che non lo sorprendono affatto. “Quel che penso è molto semplice – spiega al Fatto quotidiano l’eurodeputato – e da convinto indipendentista non sono affatto stupito”. In che senso? “Una parte dei padani continua a pagare le tasse a Roma e il Canone Rai. Quindi già sapevo che una parte di loro è politicamente imbecille”. Quindi chi vota Lega non dovrebbe nemmeno pagare le tasse? “Questo mi sembra il minimo – conclude Borghezio – . I numeri che emergono a favore del governo Monti sono una manifestazione tangibile dell’imbecillità padana. E sono convinto che il Sud non avrebbe risposto allo stesso modo”. E cosa avrebbe detto? “La stessa domanda di Radio Padania fatta a Palermo avrebbe dato risultati opposti. Perché loro manderebbero via Monti coi forconi. In Padania dovremmo solo prendere esempio da quello che sta facendo la Sicilia oggi”.

 

Tags: ,