Penso che per la formazione morale di un cittadino italiano sia indispensabile conoscere la Costituzione della Repubblica Italiana. Sembra questo un fatto scontato? Forse non lo è… vorrei fare anche qui un sondaggio: a quanti di voi è stato fatto fare un lavoro di lettura, comprensione e riflessione sugli articoli della Costituzione? A me nessuno lo ha mai fatto fare… eppure la Costituzione per lo Stato Italiano dovrebbe essere come la Bibbia per la religione Cattolica, dovrebbe essere una delle prime cose che viene fatta studiare a scuola ed ogni famiglia dovrebbe possederne almeno una copia a casa. Invece evidentemente NON è così. Il libro della Costituzione forse l’ha comprato qualcuno proprio quest’anno, giusto perchè è andato così di moda in questo ipocrita e commerciale anniversario del 150° dell’Unità d’Italia…Riflettiamo sull’importanza della nostra Costituzione, che è così bella da far quasi commuovere, ed insegnamola ai bambini ed ai ragazzi… è importante, soprattutto in una fase storica come quella che stiamo vivendo, caratterizzata da una profonda crisi  di valori etici e morali. Per l’Italia di domani (che speriamo possa essere migliore di quella di oggi…), potremmo partire proprio da qui: dallo studio della nostra  Costituzione.

L.D.

Libro: “Viaggio a fumetti nella Costituzione”

http://www.viaggionellacostituzione.it/

 

 

L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA –

VIAGGIO A FUMETTI NELLA COSTITUZIONE

…PERCHE’ SIAMO TUTTI SULLA STESSA BARCA!

testi di Alfonso Celotto e Raffaello Sestini – disegni di Raffaello Sestini

Editoriale Scientifica srl, Napoli, 2008

PRESENTAZIONE

In una notte buia e tempestosa salta la corrente elettrica, e alla luce di una candela la nonna racconta al nipotino, che guarda con gli occhi della propria immaginazione, la nascita della Costituzione italiana, intrecciando quella storia –la nostra storia- con le vicende della propria famiglia, dalla Spedizione dei Mille alla Costituente.

Il nipotino, incuriosito, ora vuole sapere cos’è la nostra Costituzione: è una bussola – spiega la nonna – per guidare l’Italia lungo la sua rotta: raccoglie la parte migliore della nostra storia e delle nostre idee ed appartiene a tutti noi. La democrazia, il rispetto della persona e della sua libertà, il catalogo dei diritti di ciascuno e dei doveri di solidarietà di tutti, l’uguaglianza e la giustizia, insieme al rifiuto della guerra, sono i suoi principi fondamentali, che valgono anche per i cittadini di domani.

Con questo agile e divertente libro a fumetti, finora unico nel suo genere, per l’approccio storico ed istituzionale a 360 gradi, Alfonso Celotto (giovane e brillante professore universitario di diritto costituzionale, attualmente Capo ufficio legislativo del Ministro per la semplificazione normativa) e Raffaello Sestini (autorevole magistrato amministrativo del TAR Lazio) disegnano in modo semplice e spiritoso (ma con grande correttezza scientifica) la nascita ed i principi fondamentali della Costituzione, nel suo 60° anniversario.

Ogni articolo è, poi, l’occasione per descrivere le regole della democrazia ed i meccanismi di funzionamento della nostra Repubblica e dell’Unione Europea, e per far riflettere i “cittadini di domani” (e anche i loro genitori) ) sulle risposte da dare ai grandi temi di oggi, ai fini dell’assunzione di un ruolo attivo di cittadini, consapevoli dei propri diritti e doveri perché, così come è scritto nel titolo, “siamo tutti sulla stessa barca”.

La connessione fra le istituzioni e le regole di oggi, la storia che ieri portò alla loro nascita e le prospettive di domani vuole essere la chiave di lettura per individuare valori ed idee che possano guidare verso le possibili soluzioni ai problemi che i nostri giovani dovranno affrontare, perché, come si sa, senza memoria del passato non c’è speranza per il futuro.

Il libro vuole divertire, ma anche favorire una maggiore conoscenza e condivisione della storia e dei valori della nostra Repubblica, e di conseguenza una maggiore consapevolezza dei diritti e doveri dei cittadini di domani nell’ambito del principio di legalità, perché, come dice il brano d’apertura del Capo dello Stato, “andare a ricercare nella Costituzione risposte alle esigenze di oggi, ai problemi, alle difficoltà può essere un esercizio molto fruttuoso”.

L’idea nasce dal dialogo con gli studenti delle scuole medie nell’ambito dell’iniziativa La Repubblica dei ragazzi”, organizzata dagli autori presso il Ministero dello sviluppo economico con il patrocinio dell’Unione delle Camere di commercio, dal novembre 2007 al maggio 2008, con la partecipazione di circa 800 studenti di 21 istituti pubblici o parificati di 13 diverse province italiane, e con l’ideazione e redazione, da parte dei ragazzi, di 14 proposte di legge, poi consegnate al Presidente della Repubblica, che ha espresso il proprio plauso.

L’auspicio è che il libro (con le sue finalità) possa trovare sempre maggiore diffusione fra i suoi naturali destinatari; a tal fine, gli autori hanno assicurato il loro personale impegno (insieme a quello dei molti magistrati, avvocati, professori e funzionari pubblici che hanno reso possibile questa esperienza) a partecipare a incontri nelle scuole e con gli studenti.

Libro: “Sei Stato tu? La Costituzione attraverso le domande dei bambini”

Di Gherardo Colombo ed Anna Sarfatti

I principi della Costituzione spiegati ai ragazzi con semplicità da uno stimato ex magistrato e da un’attivissima scrittrice e insegnante. Gherardo Colombo e Anna Sarfatti firmano insieme un testo per giovani lettori e per adulti curiosi, che nasce sul campo, dai loro incontri coi ragazzi. Ogni tema è al centro di un capitolo, ogni capitolo è suddiviso in domande. Tra queste: Ma noi bambini siamo cittadini? E i bambini nella pancia della mamma? Certe volte i maestri hanno le preferenze tra i bambini. Ma la Costituzione non dice che siamo tutti uguali? Che cosa può fare un bambino se lo trattano male in famiglia? I grandi non ci ascoltano, non gli interessa quello che pensiamo. E poi non possiamo votare. Siamo cittadini meno importanti? Un libro semplice e completo per capire come funziona il nostro Stato. Un testo di educazione civica che risponde alle grandi domande dei piccoli e non solo, seguendo le indicazioni ministeriali per l’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione” nelle scuole.

Cosa può accadere quando un gruppo di bambine e bambini d’oggi, svegli e pieni di curiosità, incontrano un magistrato di fama, figura di primo piano del mondo del diritto, particolarmente impegnato nella sensibilizzazione della coscienza civile e morale dei cittadini?
Nasce un libro come questo, che parla in modo chiaro, semplice e diretto ai piccoli di “cose da grandi” e invita i “grandi”, genitori, educatori insegnanti, a riscoprire l’importanza e il senso profondo delle regole su cui basa la nostra Repubblica.
E se la Costituzione riguarda tutti noi, riguarda anche e soprattutto chi è giovane, “anche chi è molto giovane”, ricorda Colombo nell’introduzione del libro. Per questo, farla conoscere alle nuove generazioni, non solo è doveroso, ma è necessario “verrebbe da dire quanto è stato necessario aver insegnato a camminare”, tanto più che, se si ha voglia di parlare di questi argomenti con le giovani generazioni e si trovano le parole giuste per farlo, non manca da parte loro la curiosità e la volontà di impegnarsi in un dialogo stimolante e costruttivo.
Ecco perché Gherardo Colombo, con la collaborazione di Anna Sarfatti, insegnante nella scuola primaria e autrice di libri per l’infanzia, ha deciso di scrivere un testo semplice e allo stesso tempo completo, nato da una nutrita esperienza di incontri e dibattiti nelle suole di tutta Italia. Un libro che i piccoli lettori potranno leggere nelle aule scolastiche ma anche in famiglia, con i genitori, i nonni o i fratelli più grandi.
Si parte direttamente dalle domande dei ragazzi, per affrontare concetti fondamentali (cittadinanza, uguaglianza, diritti e doveri, parità tra uomini e donne, diritti delle persone disabili) e per spiegare come è organizzato lo Stato italiano (gli statuti regionali, come nascono le leggi, cosa fa il Presidente della Repubblica, come si forma il Governo, chi sono i magistrati). Ad ognuno di questi temi è dedicato un capitolo articolato in domande e risposte. Il testo completo della Costituzione è riportato in fondo al libro, affinché possa essere consultato per eventuali approfondimenti o per scoprire parole inusuali o particolarmente difficili.
«Che differenze c’è tra le regole e le leggi?». «L’articolo 5 dice che l’Italia è ‘una e indivisibile’, ma allora perché ci sono le Regioni?». «Perché hanno messo tra i principi fondamentali i colori della bandiera italiana?». «Certe volte i maestri hanno le preferenze tra i bambini. Ma la Costituzione non dice che siamo tutti uguali?»
Sono solo alcune delle curiosità dei piccoli, e non solo, che in queste pagine trovano la risposta di uomo di legge, che è anche maestro, educatore, compagno di esperienze. Un amico che ama ricordarci che viviamo in un “paese fortunato, con una Costituzione che mette tutti sullo stesso piano, per dimostrare che, se si osservano le regole, le cose vanno meglio per tutti”.

Libro: “La Costituzione raccontata ai bambini”

Di Anna Sarfatti

Immagina le parole della Costituzione, tutte schierate nei loro 139 articoli, rompere le righe e mettersi a giocare. Ecco che ogni articolo diventerebbe una filastrocca, una rima. L’articolo 1 reciterebbe così: “Democrazia vuol dire Popolo che decide – Che pensa, sceglie, elegge – Chi sono le sue guide”. E il bambino risponderebbe: “Noi a scuola usiamo la votazione – Per scegliere il gioco di ricreazione!”. Età di lettura: da 8 anni.

Libro: “Chiama il diritto, risponde il dovere”

Di Anna Sarfatti

Giocare con le parole può diventare una chiave per aprire il cuore e la mente, un modo per ragionare anche sui valori importanti, uno spunto per capire che un diritto violato è un sentimento ferito. Infatti non tutti i bambini sanno, e spesso neppure molti adulti, che a ogni diritto corrisponde un dovere, e che è proprio il dovere a garantire il rispetto dei nostri diritti. Queste parole che giocano sono frutto dell’esperienza di un’insegnante e della sua classe, e dimostrano che i versi di una filastrocca possono trasmettere una grande lezione di civiltà. Un piccolo inno al diritto di fare le proprie scelte di vita e di lasciarle fare agli altri, nel rispetto reciproco. Età di lettura: da 7 anni.

http://www.grillonews.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=2766

Libro “COSTITUZIONE. La Legge degli Italiani riscritta per i bambini, per i giovani, per tutti

A cura di Mario Lodi 

«La pace, la libertà, il lavoro,
la famiglia, la scuola, le diversità
culturali portate dall’immigrazione,
la scienza, l’arte e il rispetto
dell’ambiente sono i valori che
la Costituzione ci indica per
realizzare una società moderna,
libera, giusta e pacifista.
I giovani, ai quali è rivolto
in modo particolare questo lavoro,
rappresentano la più grande speranza
per la loro realizzazione.
E per imparare a usare la vera politica,
fatta da persone elette
perché oneste e competenti, che sono
al servizio del popolo e
credono nei grandi ideali che
hanno fatto la storia dell’umanità»

Il linguaggio che Mario Lodi utilizza rende il volume adatto alla lettura da parte dei ragazzi già di fine scuola elementare, ma proprio il suo stile fa sì che l’opera possa trovare interesse e curiosità  da parte di tutti coloro che desiderano meglio comprendere la nostra Costituzione nei suoi principi di libertà e di democrazia.

L’iniziativa ha ottenuto l’apprezzamento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e il patrocinio del Ministero ai Beni e alle Attività Culturali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il libro – come detto – si rivolge ai giovani e a tutti i cittadini che vogliono capire la Costituzione come strumento per costruire una società libera e democratica. É indirizzato, in primis, ai bambini di fine scuola elementare e inizio di scuola media, ed è scritto con un linguaggio formalmente e concettualmente chiarissimo in modo che tutti possano leggerlo con interesse e comprenderlo.

La scuola italiana è presentata come la scuola della Costituzione, dove non solo si imparano i valori espressi, ma diventa una piccola comunità in cui essi vengono attuati. Le pitture infantili inserite nel volume sono esempi di interpretazione dell’Art. 21 della Carta costituzionale, dedicata alla libera espressività dei linguaggi.

LA STRUTTURA DEL LIBRO

La prima parte (Verso la Costituzione) è introduttiva e percorre brevemente la storia dell’Italia: dalla monarchia assoluta alla monarchia costituzionale, dal fascismo alla guerra e infine dalla Repubblica alla Costituzione. Questa parte è integrata da documenti fotografici significativi della nostra storia.

Nella seconda parte (Capire la Costituzione), tutti gli articoli dei Principi fondamentali sono spiegati con note esplicative per capire i valori su cui è fondata la Legge e riflettere sul nostro comportamento in rapporto ad essa. Gli articoli vengono raggruppati, spiegati, illustrati quando occorre.

Infine la terza parte (Per vivere la Costituzione) prende in esame i vari problemi pratici attuali e il modo di interpretarli e risolverli per mezzo del metodo della ricerca. Essi vanno dal lavoro all’immigrazione, dai linguaggi alle religioni, dalla famiglia alla non violenza, dall’arte alla scienza, dalla scuola alle elezioni come pratica che forma il cittadino democratico.

Le note metodologiche che accompagnano ogni argomento sono una vera e propria guida a trasformare la legge in un corso pratico di educazione civica che avvicini le nuove generazioni alla politica intesa come arte del governare. Alla fine del libro è pubblicato il testo integrale della Costituzione.

Tags: , ,