http://attualita.tuttogratis.it/politica/quanto-guadagna-renzo-bossi-il-triplo-di-un-governatore-usa/P114349/

Quanto guadagna Renzo Bossi? Il triplo di un Governatore Usa

Il tema dei costi della politica torna nuovamente alla ribalta sul quotidiano Il Corriere della Sera, che ospita un articolo dell’autore de La Casta Gian Antonio Stella, il quale addita come massimo esempio di spreco di denaro pubblico lo stipendio di Renzo Bossi detto ‘Il Trota’: 150 mila euro netti l’anno, il triplo all’incirca di un Governatore degli Usa.

Il sagace figlio di Umberto, noto alle cronache più che altro per aver ripetuto svariate volte l’esame di maturità, guadagna come tre governatori americani messi insieme: secondo una ricerca svolta dal professor Antonio Merlo della University of Pennsylvania, con i suoi 150.660 euro netti l’anno, Il Trota prende in busta paga quanto i Governatori del Maine, del Colorado e dell’Arkansas. Non conosciamo il valore intellettuale e politico dei tre signori, che sono rispettivamente Paul LePage, John Hickenlooper e Mike Beebe, ma non stentiamo a credere che abbiano qualità superiore al figlio di papà nostrano. Ma il punto è un altro: costano molto meno ai cittadini.

Sia chiaro, il problema degli incompetenti piazzati nei luoghi di potere riguarda tutti i partiti e tutte le regioni italiane, da Nord a Sud, ma il ‘caso Trota’ fa specie per due motivi: primo perché la Lega Nord si è fatta una reputazione attaccando il Meridione assistenzialista e i politici incapaci pagati con le tasse dei cittadini. Appunto. E oltretutto Bossi jr è consigliere nella regione considerata la ‘locomotiva’ d’Italia, la Lombardia, quella che secondo i leghisti ospita la capitale morale del paese, Milano. È normale, scrive ancora Stella, che un consigliere regionale lombardo prenda mediamente, al netto, il triplo di un collega della California, che se fosse uno stato autonomo avrebbe tre volte e mezzo la popolazione della Lombardia e sarebbe come Pil al settimo posto mondiale? La risposta è sin troppo ovvia.

 

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/i-bossi-questione-di-famiglia/2165149

I Bossi, questione di famiglia

di Daniele Sensi

Si sa: la moglie baby pensionata Manuela prende finanziamenti pubblici per la sua scuola e il figlio Renzo è ben sistemato al Pirellone. Ma ci sono anche il fratello Franco e l’altro figlio Riccardo, entrambi beneficiati Ue, e l’altro pargolo, Roberto Libertà, che sta già nello staff del padre. Più il nipote Matteo, assessore nel varesotto

(31 ottobre 2011)

La Lega Nord ancora non esisteva, ma, da nemmeno cinque giorni, Umberto Bossi già era senatore, anzi il “Senatùr”. Un esordio fortunato per quella Lega Lombarda che egli stesso aveva fondato solo tre anni addietro e che ora, alla sua prima prova nazionale, era riuscita a raccogliere duecentomila voti, eleggendo un uomo anche a Montecitorio. In piazza del Podestà, in una sede di due stanze, computer e caminetto, si analizza il voto, si pianificano strategie e, naturalmente, si festeggia. Una festa che presto volge in lite e la lite in scazzottata.In due, tra i quali il neo senatore, si riversano fuori dandole di santa ragione a un terzo, il quale finirà all’ospedale urlando: “Tirerò fuori il dossier! Ve la farò vedere!”. “C’è stata una semplice colluttazione”, dirà poi Bossi: “E’ un bravo ragazzo, era solo un po’ agitato e gli abbiamo consigliato di andare a mangiare un pizza”. Quel bravo ragazzo era Pierangelo Brivio, cognato di Umberto, marito della sorella Angela. Pare che all’origine del diverbio vi fosse la composizione delle liste: Bossi aveva escluso Brivio dalla competizione, tenendo per sé la testa di lista in tutte le circoscrizioni e non facendo correre il cognato nelle due che quello aveva reclamato. Di lì a breve, Brivio viene espulso dal partito. Per tutta risposta, Angela Bossiinterrompe ogni rapporto con il fratello e, assieme al marito, fonda un nuovo soggetto politico, Autonomia Alleanza Lombarda, con il dichiarato obiettivo di strappare voti alla Lega.Magri i risultati (un seggio al Pirellone nel 1990 e una manciata di consiglieri comunali nelle successive elezioni amministrative), ma ampia la copertura mediatica nel 1993, quando Angela sfida Marco Formentini nella corsa a sindaco di Milano. Alla stampa dichiara: “Mio fratello è un mantenuto, non ha mai lavorato in vita sua”. Più articolato il marito: “Mio cognato è fuori di testa, si comporta come Craxi o come i potenti mafiosi del Sud: si crede il grande imperatore del Nord e invece è soltanto il padroncino di un’azienda in liquidazione. Ormai la Lega è un partito come gli altri, pronto a spartirsi le poltrone che il Palazzo mette a disposizione”.

Il giornale di Alleanza Lombarda, primo di tanti partiti che negli anni, per gemmazione, sarebbero nati da quella che nel frattempo si costituisce come Lega Nord (compreso il Partito federalista di Gianfranco Miglio, che della Lega era l’ideologo) additerà Umberto Bossi come il “nemico numero uno”, dedicando intere prime pagine ai “fatti e misfatti del partito che dice di fare gli interessi dei lombardi ma che ha tradito la causa autonomista il giorno stesso che ha messo piede a Roma”.

In quegli stessi anni, ben più generoso appare Franco Bossi, il secondogenito di casa, che confiderà di aver anche lui litigato col fratello, ma “solo perché la sera io volevo dormire, mentre lui non voleva saperne di spegnere la luce, perché leggeva, leggeva sempre, dalla filosofia ai classici greci”. Una generosità presto ricambiata. Licenza di scuola media inferiore, l’unico della famiglia ad essere rimasto nel paese natale dove manda avanti un negozio di autoricambi, Franco Bossi, già consigliere comunale a Gallarate, viene dapprima nominato commissario tecnico della squadra di ciclismo padana, quindi membro del consiglio di amministrazione Aler, la società che gestisce le case popolari di Varese, e infine, nel 2004, viene assunto all’Europarlamento in qualità di assistente accreditato dell’onorevole Francesco Speroni. Assistente accreditato, ovvero portaborse, ovvero 12.750 euro al mese.

“La lotta per la libertà della Padania continuerà anche dopo di me, con i miei figli”, andava oramai ripetendo Umberto Bossi nei suoi comizi. Così, al seguito di Matteo Salvini, al Parlamento europeo ci finisce anche il primogenito Riccardo, avuto dalla prima moglie Gigliola Guidali. 23 anni, grande ammiratore di Napoleone (“sono andato anche a vedere il campo di battaglia dove perse”) e già a busta paga, qualche anno prima, di “Made in Padania Scrl”, una delle “cooperative padane” che Umberto Bossi aveva fortemente voluto nel tentativo di imitare il sistema delle Coop rosse ma che già allora stavano andando a rotoli, Riccardo Bossi replicherà, serafico, alle accuse di nepotismo mosse al padre dalla stampa: “Dov’è il problema? Se uno ha un’azienda chi pensa di inserire? I suoi figli o degli estranei?”. Chiusa la breve parentesi europea (il padre lo farà tornare per mettere a tacere le polemiche) Riccardo potrà dedicarsi interamente alla sua vera passione: le gare di rally. Continuerà a dichiararsi interessato di politica, ma in televisione comparirà solo più nei rotocalchi rosa, per una storia sentimentale con una delle ragazze della scuderia Mora.

Il 2004, per Umberto Bossi, è anche l’anno della malattia. Verrà assistito dalla seconda e attuale moglie, Manuela Marrone. Insegnante del collegio delle suore di Sant’Ambrogio, già eletta al consiglio provinciale di Varese nel 1987, Manuela Marrone, stratega occulta e anima nera della Lega secondo gli avversari di quel “cerchio magico” che attorno a lei , proprio in quei giorni, si dice abbia preso forma, è “baby-pensionata” dal 1992 (766,37 euro al mese), data in cui, all’età di 39 anni, decide di ritirarsi dall’insegnamento per fondare, solo sei anni dopo, la scuola Bosina, ossia una paritaria (materna, elementare e secondaria) improntata “alla scoperta delle radici culturali che educa i bambini anche attraverso racconti popolari, fiabe, leggende e filastrocche legate alle tradizioni locali”.

Frequentata da molti dei figli della nomenclatura leghista varesina, la scuola, conosciuta anche come “Libera scuola dei popoli padani” , tra il 2009 e il 2010 beneficia della cosiddetta “legge mancia” , provvedimento, varato in finanziaria, attraverso il quale i parlamentari dei diversi schieramenti finanziano enti ed associazioni: in totale, 800 mila euro per “spese di ampliamento e ristrutturazione”. Una somma che manda finalmente in pari il bilancio di una scuola i cui conti, nell’ultimo anno, erano stati in rosso di 500 mila euro su un milione di ricavi.

A Manuela Marrone, che della Lega è cofondatrice (da statuto, uno dei “padri fondatori” cui spetta la funzione consultiva del segretario federale), si deve certamente la candidatura del figlio Renzo alle regionali lombarde, che valgono al trota il seggio al Pirellone. E mentre anche gli altri figli si fanno grandi (uno, Eridano Sirio, compirà la maggiore età nel 2013; l’altro, Roberto Libertà, che di anni ne ha 21, già si sta facendo le ossa nello staff del padre), un non ancora noto membro della famiglia Bossi si fa avanti:  Matteo Ambrogio Brivio. Figlio di Pierangelo Brivio e di Angela Bossi, alla morte del padre, Matteo assume la guida di Alleanza Lombarda e alle amministrative del 2007 si allea con il centrodestra. Successivamente, entra nella Lega Nord, facendosi eleggere nel comune di Samarate, nel varesotto, dove, dal 2010, è assessore ai Servizi pubblici e al Patrimonio. Classe 1981, architetto, avremmo voluto saperne di più di lui e del suo percorso politico, così come avremmo voluto sapere se anche la madre avesse nel frattempo mutato opinione sulla Lega e sul fratello Umberto. Di tre email inviate, una sola risposta: “Sia io che mia madre non riteniamo di aver nulla da dire”. Intestazione del mittente ( indirizzo gmail, mica un indirizzo istituzionale): “Assessore Matteo Brivio”. Nemmeno facesse Bossi di cognome e Renzo di nome.

 

http://isegretidellacasta.blogspot.com/2011/10/la-vera-storia-della-moglie-di-bossi.html

La vera storia della moglie di Bossi, baby-pensionata a 39 anni per mettersi in affari con il governo

[…] L’ex maestrina in verità non ha scelto di andare in pensione per poter vivere tranquillamente al fianco del marito, con i quindicimila euro al mese che lui “guadagna” in parlamento da 24 anni, dall’ormai lontano 1987. Non si è accontentata di piazzare il poco istruito figlio Renzo, per due volte bocciato all’esame di maturità, nel consiglio regionale della Lombardia. No. La signora Morrone ha intuito subito come con la parificazione scolastica era possibile fare molti più soldi di quelli che percepisce un qualsiasi insegnante statale.
Ha messo così in piedi una bella scuola privata a Varese, la scuola paritetica Bosina, e casualmente, malgrado i tagli e i sacrifici che Berlusconi e Tremonti pretendono da tutti gli italiani, ecco spuntare 800.000 euro dal “Fondo per la tutela dell’ambiente e la promozione e lo sviluppo del territorio” del ministero dell’Economia, destinati all’ampliamento e la ristrutturazione di uno specifico immobile scolastico privato: la scuola paritetica Bosina.
E vissero tutti felici e contenti, padre, madre e figlio, a spese dei contribuenti!

Tags: ,