http://sostenibile.blogosfere.it/2008/04/berlusconi-e-putin-mitra-e-giornalisti.html

 

Da un vecchio articolo del 2008, in cui si capisce come non cambino le cose e ci si pone la domanda su come mai mr.B trovi oggi tempo di andare da Putin a festeggiare il suo compleanno (quando qui in italia ci hanno appena declassato per l’ennesima volta) mentre sia stato l’unico leader mondiale a non trovare tempo di non andare al consiglio nazionale dell’ONU…

 

Una giornalista russa, Natalia Melikova, pone a Putin una domanda sui suoi presunti rapporti con una ex campionessa olimpica di ginnastica artistica ora divenuta parlamentare, Putin la gela con lo sguardo, Berlusconi interviene mimando scherzosamente il gesto di una scarica di mitra.

La giornalista ci resta di sasso, piange: in Russia i giornalisti scomodi finiscono ammazzati davvero.

Poi dichiarerà: Ho visto il gesto del vostro presidente e so che scherza sempre. So che il gesto non avrà alcuna conseguenza.

Senz’altro la preoccupa di piu’ lo sguardo ricevuto dallo zar Vladimir.

Dal 2002 in Russia sono stati uccisi 15 giornalisti politicamente scomodi. Molti dei loro colleghi hanno accusato del loro assassinio i servizi segreti di Vladimir Putin.

Putin risponde infine alla domanda, spiega che si tratta solo di infondate illazioni, rivendica il suo diritto alla privacy sottolineando che nessuno deve mettere il naso nella sua vita privata.

Poco dopo arrivano le parole di un addetto stampa del governo russo, dirette alla giornalista Natalia Melikova: il funzionario, per tranquillizzarla, chiarisce che il monito “non era rivolto a lei personalmente, ma alla stampa in genere“: piu’ che un chiarimento, un’estensione della minaccia.

Il portavoce di Berlusconi Paolo Bonaiuti è intervenuto a chiarire che si è trattato solo di “uno scherzo“.
Una battuta, gonfiata ad arte dal sensazionalismo degli organi di stampa.

Critiche a Berlusconi arrivano invece dalla Federazione nazionale della stampa, attraverso il suo segretario Franco Siddi: “Silvio Berlusconi ha liberato la sua ennesima battuta, battute che a volte fanno ridere e a volte sono meno divertenti. Malgrado la sua ironia non riesce infatti sempre a comunicare a tutti che questo è il suo modo di fare e che vuole essere sottile. Tuttavia a volte le battute possono essere imbarazzanti se si considera che in Russia negli ultimi dieci anni sono morti più di 200 giornalisti e che non si sono mai trovati gli assassini“.

Tags: , , ,