“Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nel’esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell’amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere.”

Giovanni Falcone

Fare il proprio dovere, con volontà e coerenza. E’ chiedere troppo? Questo vale sia per la classe politica che per ognuno di noi. Se ognuno di noi ricoprisse un ruolo attivo ed onesto all’interno della società, forse vivremmo in un mondo migliore.

Per quanto riguarda in particolare la classe politica, penso che proprio per il ruolo pubblico che i politici hanno deciso di svolgere, dovrebbero come minimo dare il buon esempio a noi cittadini. Ma, purtroppo, questo è l’esatto contrario di quanto stanno facendo, da anni ed anni a questa parte…

All’interno del blog potrete trovare molti articoli su questo tema. E’ sufficiente selezionare il tag “politici da vergogna” per scoprire quanto poco virtuosa ed esemplare sia la condotta di queste persone. Qui di seguito, invece, riportiamo i titoli di alcuni libri-inchiesta che parlano appunto della politica, dei suoi privilegi e della sua corruzione. Inoltre, alla stregua dei tre moschettieri, gli schieramenti di destra, centro e sinistra stanno assecondando il motto “uno per tutti e tutti per uno”, dal momento che sono tutti concordi e fortemente solidali nel difendere i propri monopolistici privilegi…

L.D.

“La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili” di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo

Aerei di Stato che volano 37 ore al giorno, pronti al decollo per portare Sua Eccellenza anche a una festa a Parigi. Palazzi parlamentari presi in affitto a peso d’oro da scuderie di cavalli. Finanziamenti pubblici quadruplicati rispetto a quando furono aboliti dal referendum. “Rimborsi” elettorali 180 volte più alti delle spese sostenute. Organici di presidenza nelle regioni più “virtuose” moltiplicati per tredici volte in venti anni. Spese di rappresentanza dei governatori fino a dodici volte più alte di quelle del presidente della Repubblica tedesco. Province che continuano ad aumentare nonostante da decenni siano considerate inutili. Indennità impazzite al punto che il sindaco di un paese aostano di 91 abitanti può guadagnare quanto il collega di una città di 249mila. Candidati “trombati” consolati con 5 buste paga. Presidenti di circoscrizione con l’autoblu. La denuncia di come una certa politica, o meglio la sua caricatura obesa e ingorda, sia diventata una oligarchia  insaziabile e abbia allagato l’intera società italiana. Storie stupefacenti, numeri da bancarotta, aneddoti nel reportage di due famosi giornalisti.

“La deriva. Perché l’Italia rischia il naufragio” di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo

Dalle infrastrutture bloccate da lacci e lacciuoli di ogni genere all’attività legislativa farraginosa, dai ritardi nell’informatica che ci fanno arrancare dietro la Lettonia agli ordini professionali chiusi a riccio davanti ai giovani, dal declino delle Università-fai-da-te alle rivolte di mille corporazioni, dalle ottusità sindacali ai primari nominati dai partiti: l’Italia è un Paese straordinario che, nonostante la sua storia, le sue eccellenze, i suoi talenti, appare ormai alla deriva. Un Paese che una classe politica prigioniera delle proprie contraddizioni e dei propri privilegi non riesce più a governare. È la tesi di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo: quella Casta, denunciata nel libro che ha rappresentato il più importante fenomeno editoriale degli ultimi anni, non è soltanto sempre più lontana dai cittadini ma è il sintomo di un Paese che non sa più progettare e prendere decisioni forti. E il confronto con gli altri Paesi, senza una svolta netta, coraggiosa, urgente, si fa di giorno in giorno così impietoso da togliere il fiato.

“Licenziare i padreterni” di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo

Gli stipendi del Senato saliti di un altro 19% in 4 anni – I palazzi del Palazzo che sono diventati 52 – La trincea in difesa dei doppi e tripli vitalizi – Gli aereiblu che volano come mai prima – Sforbiciatine agli affitti cresciuti di 41 volte dal 1983 – I menù di lusso con le lamelle di spigola ancora a 3,34 euro – I bilanci “ritoccati” solo per fare bella figura – I rimborsi elettorali che hanno superato i 5 miliardi e mezzo – I Presidenti regionali che continuano a prendere come tre governatori Usa – Autoblu a vita che aumentano senza freni – La Parentopoli che impazza

E DICEVANO D’AVERE TAGLIATO…

I politici politicanti italiani, quelli che un liberale cristallino come Luigi Einaudi attaccò scrivendo che occorreva “licenziare i Padreterni”, sono sordi. Non riescono a capire. Non riescono a vedere, chiusi nel loro fortilizio autoreferenziale, l’insofferenza montante dei cittadini di un Paese in affanno che vive, come dice Giorgio Napolitano, “un angoscioso presente”. Sono così abituati ai privilegi, all’abuso del potere, all’impunità, da non rendersi conto che la loro sordità mette a rischio non solo il decoro e la credibilità delle istituzioni ma alla lunga il nostro bene più prezioso: la democrazia. Quattro anni dopo La Casta, gli autori che prima e più di tutti ne hanno denunciato gli sprechi, le ingordigie e le prepotenze smascherano punto per punto i tradimenti delle promesse di sobrietà. E l’inadeguatezza di una classe politica che, nonostante l’impegno e la generosità di tanti parlamentari e amministratori perbene e generosi, non riesce a essere davvero classe dirigente. E offre segnali di un distacco rischioso tra chi governa e chi è governato. Un’invettiva civile d’amore per l’Italia e per la politica migliore. Nella speranza di un riscatto.

“A cosa serve la politica?” di Piero Angela

“Oggi c’è un forte risentimento contro la classe politica per i suoi troppi privilegi, per il malcostume diffuso, per i costi, l’arroganza, l’inefficienza, la corruzione. Ma in realtà esiste una questione molto più profonda, che questo libro intende affrontare, e che riguarda il ruolo stesso della politica nella società. È radicata l’idea che sia la politica a determinare il benessere di un paese. E che, cambiando maggioranza, o cambiando leader, si possano ottenere cose che in realtà non dipendono dalla politica. E che non dipendono neppure dalla capacità di lottare per ottenerle. Questo non significa che la politica non sia importante, anzi. Ma soltanto se riesce a stimolare e a far crescere in modo prioritario quei “software”, quei motori dello sviluppo che sono i veri produttori di ricchezza. E anche i veri attrattori di investimenti. Ma è così che funziona la politica in Italia?” Andando al di là delle polemiche quotidiane, Piero Angela ci offre un punto di vista diverso e illuminante per mettere a fuoco il vero problema del nostro paese.

“La libertà dei servi” di Maurizio Viroli

L’Italia è un paese libero, se essere liberi vuol dire che né altri individui né lo Stato ci impediscono di agire come meglio crediamo. Tutti, sempre che ne abbiano i mezzi, possono scegliere l’attività che vogliono e dove abitare, esprimere le proprie opinioni, associarsi, votare per un candidato o per un altro, criticare i governanti, educare i figli in tale o in tal altra guisa, professare questa o quella religione o non professarne alcuna. Il problema è che la libertà intesa come assenza di impedimenti non è – di per sé – la libertà dei cittadini, ma la libertà dei servi e dei sudditi. La libertà dei cittadini è un’altra cosa: non consiste nel non essere ostacolati o oppressi, ma nel non essere dominati, ovvero non essere sottoposti al potere arbitrario o enorme di un altro uomo o di altri uomini. Guardiamo il nuovo corso della politica italiana: si è affermato un potere che non è né autoritario né dispotico, ma è enorme. E anche se il potere enorme si è affermato con metodi legittimi, la sua stessa esistenza rende i cittadini servi e genera il cosiddetto sistema della corte. Rispetto alle corti dei secoli passati, quella che ha messo radici in Italia coinvolge non più poche centinaia, ma milioni di persone e le conseguenze sono le medesime: servilismo, adulazione, identificazione con il signore, preoccupazione ossessiva per le apparenze, arroganza, buffoni e cortigiane.

“Impuniti. Storie di un sistema incapace, sprecone e felice” di Antonello Caporale

L’utopia travestita da piano urbanistico. La riqualificazione ambientale che diventa scempio. L’emergenza come prassi quotidiana. Lo sperpero dissennato di risorse pubbliche. Bilanci violentati da gestioni creative e ambiziose. Il non fare né decidere come forma di tutela dal dissenso. L’atteggiamento leggero e spavaldo di chi non sarà mai chiamato a rispondere delle proprie azioni, e lo sa. Antonello Caporale accompagna il lettore in un viaggio nell’Italia dello spreco e della malpolitica, attraverso le piccole e grandi storie che testimoniano lo stato di salute della nostra democrazia. Con gli strumenti dell’inchiesta giornalistica, Caporale riesce a penetrare il fortino per svelare i nomi e cognomi: chi ha fatto cosa, quali danni ha procurato alle casse dello Stato, all’ambiente, al territorio e, soprattutto perché. Un lavoro che si propone di far parlare i fatti e i loro protagonisti, confrontando in maniera trasparente l’idea iniziale e il risultato finale: il dire e il fare, alla luce del mare che li separa.

“Sprecopoli. Tutto quello che non vi hanno mai detto sugli sprechi della politica” di Mario Cervi e Nicola Porro 

La questione dei costi della politica e dell’enorme mole di denaro pubblico che viene speso nei modi più diversi per far funzionare gli innumerevoli organismi elettivi che compongono lo Stato è, da sempre, uno dei punti dolenti della vita pubblica italiana. Non mancano, anzi, non si contano, i proclami, i pamphlet, le ponderose proposte e le volonterose crociate che, in sei decenni di vita repubblicana, hanno denunciato gli sprechi, sensibilizzato l’opinione pubblica, eccitato movimenti di protesta. Eppure, si direbbe, poco è cambiato. Mario Cervi e Nicola Porro intendono con questo libro raccontare e analizzare, mescolando discussione seria e aneddotica poco seria (se non, spesso, tragicomica), la faccia oscura della politica italiana.

“Il costo della democrazia. Eliminare sprechi, clientele e privilegi per riformare la politica” di Cesare Salvi e Massimo Villone

Quanto costa la democrazia e quante persone vivono di politica? Quanto guadagnano? La democrazia costa, è un fatto innegabile, ed è giusto che i cittadini ne siano consapevoli. Ma è altrettanto innegabile che la collettività debba farsene carico, perché se così non fosse, la politica sarebbe una possibilità riservata solo ai miliardari. Per questa ragione occorre chiedersi quanta parte dei costi del suo funzionamento è inevitabile, quanta uno spreco di denaro. Entrambi professori di diritto e senatori di sinistra, Cesare Salvi è stato ministro del Lavoro e della previdenza sociale, Massimo Villone vicepresidente della Commissione affari costituzionali del Senato.

“Il sottobosco. Berlusconiani, dalemiani, centristi. Uniti nel nome degli affari” di  Claudio Gatti e Ferruccio Sansa

I due autori vanno dritti al cuore del problema: gli affari della politica, che non hanno colore e se ne infischiano delle ideologie. Tutto comincia dalle incredibili convergenze tra Berlusconi e D’Alema, dalla famosa Bicamerale fino ad arrivare ai loro scudieri, De Santis e Dell’Utri. Le intercettazioni e gli atti di diverse indagini consentono di ricostruire i legami e gli incroci tra schieramenti opposti. Anche la prostituzione non ha colore: Tarantini procura donne al Cavaliere dopo averlo fatto per gli uomini del “cerchio magico” di D’Alema. Ma le combinazioni sono tante. Da Pranzato a Monchini e Lazzarini fino allo scandalo Enav, passando sempre per Italbrokers, il più grande broker assicurativo italiano. Naturalmente non poteva mancare lui, l’onnipresente Bisignani, amico di tutti e infaticabile manovratore. Gli autori non fanno sconti a nessuno. Ecco il sottobosco italiano, dalle seconde e terze linee, quelle che contano davvero e decidono dove la politica deve andare.

“L’intelligenza machiavellica. Come i macachi e l’uomo hanno conquistato il mondo” di Dario Maestripieri

A giudicare dalla loro diffusione globale, l’uomo e il macaco sono due specie di successo. Dario Maestripieri ha studiato per vent’anni il comportamento di queste scimmie a noi così vicine nella linea evolutiva e ha scoperto che la loro società si fonda su presupposti molto “umani”, anzi, “ma(ca)chiavellici”: i macachi al vertice della gerarchia sociale mantengono il loro rango attraverso l’uso della violenza, della sopraffazione e del familismo; l’altruismo è quasi sconosciuto e i rapporti fra simili sono perpetuamente soggetti alle crudeli leggi del mercato. Nepotismo e politica, sesso e affari, guerre e rivoluzioni: vi sembrano cose note? Il mondo dei macachi è sorprendentemente simile al nostro…

“Spudorati” di Mario Giordano

Gli scandali raccolti nel nuovo libro di Mario Giordano hanno un elemento in comune: sono tutti nati, trovati e scoperti negli ultimi mesi. Proprio così: mentre i cittadini chiedevano di cancellare i vitalizi della casta, quei vitalizi aumentavano. Mentre supplicavano di ridurre gli sprechi, quegli sprechi raddoppiavano. Mentre urlavano di ridurre le spese del Palazzo, le spese del Palazzo si moltiplicavano. Mai visto niente di così spudorato. “E dunque” dice Giordano “come si fa a mollare? Come si fa a tacere? La lotta contro le sanguisughe è appena all’inizio. E’ una lotta difficile, e combattendo ogni tanto si rischia pure di cadere nello sconforto. Anche questo libro farà venire a molti il mal di fegato, ma continuare a indignarsi non è solo un diritto. E’ un dovere: per noi, per la nostra storia, per il nostro futuro. Sono due i grandi nemici che oggi dobbiamo combattere: da una parte c’è la montagna di privilegi che ci sta soffocando, dall’altra c’è la rassegnazione. E la rassegnazione è un lusso che non ci possiamo permettere.”

“La Cricca – Perchè la Repubblica italiana è fondata sul conflitto d’interessi” di Sergio Rizzo

Centotredici parlamentari con doppi, tripli e quadrupli incarichi, un politico alla presidenza di una banca che finanzia i suoi amici, funzionari pubblici e imprenditori con mogli e figli soci in affari, l’assessore alla sanità che vende apparecchiature mediche agli ospedali, il capo di una compagnia statale che diventa presidente della società privata di cui è cliente, avvocati di destra e di sinistra che litigano in tribunale ma poi in parlamento fanno le leggi insieme, il figlio del ministro che apre una ditta nel settore controllato dal ministero di papà…
Un’inchiesta senza peli sulla lingua nel paese dove il confine fra l’interesse di tutti e gli affari di pochi ormai non esiste più. Lo scandalo che ha coinvolto i vertici della Protezione civile ha acceso i riflettori su un gruppo di affaristi, imprenditori, magistrati, funzionari e familiari di una compagnia male assortita, che gestiva appalti pubblici in un micidiale coacervo di conflitti d’interesse. Un intreccio sfrontato, portato avanti con la consapevolezza dell’impunità. Perché in Italia, quando si nomina il conflitto d’interessi, il pensiero corre subito a Silvio Berlusconi, al suo strapotere televisivo, alle leggi ad personam, ma il Cavaliere è solo l’ultimo erede di un sistema consolidato, che comprende tutti: politici, professionisti, manager, sportivi, giornalisti. I casi si sprecano: magistrati che si arricchiscono con gli arbitrati, rettori universitari che amministrano gli atenei come beni di famiglia, imprenditori finanziati da banche di cui sono azionisti, società di brokeraggio presiedute dai loro clienti, medici che diventano strumento per aumentare i profitti delle case farmaceutiche, deputati e senatori che piegano con destrezza le leggi ai loro disegni. Per farsi la pensione d’oro, sistemare una fabbrica, assumere qualche amico, basta un provvedimento ad hoc… Nella giungla di enti, ministeri, aziende statali e parastatali e ordini professionali si annida una classe dirigente abituata a usare il Paese per fare gli affari propri.

“Il naufragio della ragione” di Diego Pascale

In Italia la politica, direttamente e indirettamente, solo in un anno, divora una cifra enorme che sarebbe sufficiente ad assicurare liquidità a cinque finanziarie, contemporaneamente. Il problema non sono gli stipendi e i privilegi dei parlamentari ma quelli che tutti i politici, i dirigenti delle istituzioni, delle società dello Stato, e degli enti locali hanno preferito auto-assegnarsi nell’assoluta indifferenza generale della maggioranza dei cittadini. Insieme alla loro completa descrizione, non manca in questo volume anche lo sterminato elenco di sprechi e privilegi degli ultimi cinque anni del nostro paese. Ovviamente ci sono delle precise responsabilità che, dopo un’analisi generale della situazione politica italiana degli ultimi quarant’anni e delle scelte fatte dai suoi protagonisti, dimostra che la colpa non è solo di “Silvio” e soprattutto che sono ampiamente “ingiustificati” se paragonati ai “risultati” della politica che sempre più spesso i politici usano come giustificazione per le loro altissime remunerazioni e gli innumerevoli “benefits” di cui godono.

Tags: ,