Ho 28 anni ed ho vissuto sulla mia pelle la realtà di una scuola concepita male, vecchia, priva di qualsiasi barlume di passione e di novità. Tuttora, purtroppo, ne sto pagando le conseguenze. Solo una volta finita la maturità ho cominciato a capire cosa significasse davvero il termine “cultura”. Ho capito che a scuola avevo perso tanto tempo per “imparare” un po’ di nozioni sparse qua e là, senza avere un quadro generale ben chiaro e con pochi collegamenti tra le diverse materie. Ho capito di aver buttato via tanto tempo e che, se mi fossi messa a studiare da sola, con il mio metodo e con la mia curiosità, avrei potuto imparare molto, molto di più. La curiosità e la voglia di studiare sono state, fortunatamente per me, delle caratteristiche innate. Un gran colpo di fortuna, direi, altrimenti non oso immaginare quanto ignorante sarei in questo momento, se la mia cultura fosse derivata esclusivamente alla scuola!!!

La scuola di oggi ha purtroppo un grandissimo difetto: è totalmente PASSIVA. Non lascia spazio agli interessi, alle passioni, alle curiosità individuali. La scuola non deve basarsi più su pagine imparate a memoria e miseri compiti in classe in cui tutti cercano tristemente di copiare. La scuola deve essere in primo luogo VISSUTA: devono smetterla di fare noiose lezioni frontali e dare invece maggiore spazio ad altre cose, come progetti (sia individuali che di gruppo), uscite culturali, dibattiti, sperimentazioni ed ogni cosa sia possibile inventare.

Dal mio punto di vista, la scuola non deve insegnare a memorizzare solamente “nozioni” che verranno presto dimenticate, ed una buona scuola non è misurabile sulla base della sola quantità di argomenti trattati, ma anche e soprattutto sulla base della qualità del metodo utilizzato per affrontare tali argomenti. La cosa più importante è proprio questa, il METODO.

La scuola deve insegnare ad IMPARARE, affinchè le persone continuino ad imparare (seguendo una volontà propria!!) anche una volta finita la scuola, per tutto il resto della loro vita. Sembra incredibile, ma penso sia proprio così. Di imparare non ci si può stufare, occorre solo abituarsi fin da giovani a porsi delle domande e ad essere il più possibile… curiosi!

L.D.

_____________________________________________________________________________________

Curiosità

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

La curiosità è un comportamento, un’attitudine, o un istinto, di natura abituale o episodica, caratteristico dell’uomo ma diffuso anche in alcune specie animali, atto a soddisfare un desiderio inquisitivo circa la natura di un oggetto o di un fenomeno. È un aspetto emozionale che, riguardando l’esplorazione, l’investigazione e l’apprendimento, descrive un numero non ben conosciuto e identificato di meccanismi e comportamenti psicologici che hanno come fine il placare l’impulso degli esseri viventi a trarre informazioni e a interagire con l’ambiente.

Considerato un comportamento positivo sia nella scienza che nell’intelligenza, rappresenta un istinto che guida alla scoperta di nuove informazioni, conoscenze, comprensione e consapevolezza, il carburante della scienza e delle discipline dello studio umano, una vera e propria propensione all’interessamento personale verso ciò che incuriosisce.

Consiglio un libro scritto da un’insegnante, Paola Mastrocola, intitolato “Togliamo il disturbo. Saggio sulla libertà di non studiare“.

“Ditemi se le devo ancora insegnare queste cose o no. Forse, se i ragazzi non sanno più l’italiano, vuol dire che la scuola non ha più ritenuto che fosse il caso di insegnare l’italiano. Forse tutti in Italia (o meglio, in Europa) hanno deciso questo: che non è più utile insegnare la propria lingua, e si sono dimenticati di dirlo anche a me, e allora io sono l’ultima a fare una cosa che non interessa più nessuno, e quindi è bene che smetta. Questo libro è una battaglia, perché la cultura non abbandoni la nostra vita e prima di ogni altro luogo la nostra scuola, rendendo il futuro di tutti noi un deserto. È anche un atto di accusa alla mia generazione, che ha compiuto alcune scelte disastrose e non manifesta oggi il minimo pentimento. Infine, è la mia personale preghiera ai giovani, perché scelgano loro, in prima persona, la vita che vorranno, ignorando ogni pressione, sociale e soprattutto familiare. E perché, in un mondo che li vezzeggia, li compatisce, e ne alimenta ogni giorno il vittimismo, essi con un gesto coraggioso e rivoluzionario si riprendano la libertà di scegliere se studiare o no, sovvertendo tutti gli insopportabili luoghi comuni che da almeno quarant’anni ci governano e ci opprimono.” (P. Mastrocola)

La recensione di ibs:

Nel 2004 Paola Mastrocola ci aveva regalato un libro più piccolo, più veloce, uno sfogo più che un trattato, il cui intento polemico era evidente sin dal titolo: La scuola raccontata al mio cane. Oggi dalla sua esperienza nasce un saggio completo, un’analisi impietosa e grave della situazione attuale non solo della scuola, ma della cultura, della società, della vita degli italiani, del futuro dei giovani.
L’intento polemico è invariato e anche questa volta lo leggiamo sin nel titolo: Togliamo il disturbo, come dire che, dato che la società ci impone un modello culturale dove preparazione diventa sinonimo di nozionismo – “vade retro” nozione! – e ogni sforzo intellettuale assume valenza negativa, gli insegnanti possono anche togliere il disturbo. “Oggi se parli di studio, sei subito vecchio. Pesante, lento, bacucco, fuori moda, antipatico e noioso. Studio è una parola perdente a priori: appena la pronunci, hai già perso. Non studiare invece è bello, sa di nuovo, di fresco e di gioioso. È come andar per campi a fare una merenda, o i tuffi dagli scogli, o una camicia appena lavata e stesa al sole.”
Al centro dell’analisi del 2004 c’era la trasformazione del lessico: il verbo rimandare che si trasforma in recuperare e perde ogni pericolosità; dall’iniziare le lezioni il primo giorno di scuola all’accogliere i ragazzi per una settimana senza fare nulla; dai programmi ai progetti in una scuola incentrata sul marketing… e così via. Una trasformazione formale che portava con sé quella concettuale.
Oggi la professoressa di lettere Paola Mastrocola racconta gli ultimi decenni delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, facendone un’analisi anche “fastidiosa” per certi versi, rileggendo soprattutto le trasformazioni culturali di questi anni, le scelte di indirizzo, i tanti errori – spesso mascherati sotto un apparente abito di innovazione – e i pochi successi.
Se dovessimo trovare anche qui le parole-chiave attorno alle quali si svolge il ragionamento sarebbero: fallimento, disastro, inutilità, illusione, abisso, impotenza…
Le prime due parti del saggio fotografano la scuola italiana e di conseguenza la preparazione dei giovani – certo, vista con gli occhi di Paola Mastrocola, diciamo un’analisi soggettiva ma molto ben argomentata – offrendone un’immagine drammatica, quasi senza via d’uscita.
La terza parte offre la via d’uscita: “mi è parso di aver trovato niente meno che una soluzione per il futuro. Qualcosa che ha a che fare con la felicità dei giovani, la loro libertà di scelta. Insomma, la terza parte – scrive ancora la Mastrocola – è la mia personale “modesta proposta”: in poche parole, lì vi dico che farei io se governassi l’universo, quale scuola inventerei”.
Ecco altre parole importanti: libertà, scelta, individuo, responsabilità. E tre nomi: Carlo Martello, Dante e Jonathan Franzen. Cosa c’entrano Carlo Martello, Dante e Jonathan Franzen con tutto il discorso di prima? Vedrete che c’entrano eccome. La “modesta proposta” della Mastrocola è una scuola divisa in tre direzioni ben distinte. Con una innovazione legata al nostro vivere quotidiano multitasking basata però su una preparazione di base eccellente, “e poi liberi tutti!”.
È in questa parte finale, travolgente, l’anima del libro.
“Evitiamo il pericolo strisciante dell’omologazione”: è importante! Così come è importante capire per cosa siamo nati, cosa vogliamo fare, indipendentemente dal pensiero dei molti. La scuola ci deve offrire la possibilità di scegliere, e di farlo anche controcorrente. Ci deve fornire le basi, nei primi anni dell’obbligo, per capire se siamo nati per studiare o per fare un lavoro manuale, per coltivare la terra o per fare il tecnico di computer, per leggere Torquato Tasso o per cucinare. Indipendentemente dalla famiglia di origine e dalle velleità dei genitori. “Ci vuole un certo coraggio, la libertà non è affatto una scelta facile”, ma potrebbe portare a una formazione superiore diversificata e piacevole per tutti. Liberando anche la scuola da quel conformismo e quella superficialità che la stanno uccidendo.

_______________________________________________________

La teoria delle intelligenze multiple

(tratto dalla voce “Intelligenza” di Wikipedia)

Lo psicologo statunitense Howard Gardner distingue ben 9 tipi fondamentali di intelligenza, localizzati in parti differenti del cervello, di cui fa parte anche l’intelligenza logico-matematica (l’unica su cui era basato l’originale test di misurazione del QI). Ecco, qui di seguito, i 9 macro-gruppi intellettivi:

  1. Intelligenza Linguistica: è l’intelligenza legata alla capacità di utilizzare un vocabolario chiaro ed efficace. Chi la possiede solitamente sa variare il suo registro linguistico in base alle necessità ed ha la tendenza a riflettere sul linguaggio. Propria dei linguisti e degli scrittori.
  2. Intelligenza Logico-Matematica: coinvolge sia l’emisfero cerebrale sinistro, che ricorda i simboli matematici, che quello di destra, nel quale vengono elaborati i concetti. È l’intelligenza che riguarda il ragionamento deduttivo, la schematizzazione e le catene logiche. Comune nei matematici, e in generale in chi si occupa della scienza o delle sue modalità applicative (ingegneria, tecnologia etc.)
  3. Intelligenza Spaziale: concerne la capacità di percepire forme ed oggetti nello spazio. Chi la possiede, normalmente, ha una sviluppata memoria per i dettagli ambientali e le caratteristiche esteriori delle figure, sa orientarsi in luoghi intricati e riconosce oggetti tridimensionali in base a schemi mentali piuttosto complessi. Questa forma dell’ intelligenza si manifesta essenzialmente nella creazione di arti figurative.
  4. Intelligenza Corporeo-Cinestesica: coinvolge il cervelletto, i gangli fondamentali, il talamo e vari altri punti del nostro cervello. Chi la possiede ha una padronanza del corpo che gli permette di coordinare bene i movimenti. In generale si può riferire a chi fa un uso creativo del corpo, come i ginnasti e i ballerini.
  5. Intelligenza Musicale: normalmente è localizzata nell’emisfero destro del cervello, ma le persone con cultura musicale elaborano la melodia in quello sinistro. È la capacità di riconoscere l’altezza dei suoni, le costruzioni armoniche e contrappuntistiche. Chi ne è dotato solitamente ha uno spiccato talento per l’uso di uno o più strumenti musicali, o per la modulazione canora della propria voce.
  6. Intelligenza Interpersonale: coinvolge tutto il cervello, ma principalmente i lobi pre-frontali. Riguarda la capacità di comprendere gli altri, le loro esigenze, le paure, i desideri nascosti, di creare situazioni sociali favorevoli e di promuovere modelli sociali e personali vantaggiosi. Si può riscontrare specificamente nei politici e negli psicologi, più genericamente in quanti possiedono spiccata empatia e abilità di interazione sociale.
  7. Intelligenza Intrapersonale: riguarda la capacità di comprendere la propria individualità, di saperla inserire nel contesto sociale per ottenere risultati migliori nella vita personale, e anche di sapersi immedesimare in personalità diverse dalla propria. E’ considerata da Gardner una “fase” speculare dell’ intelligenza interpersonale, laddove quest’ ultima rappresenta la fase estrospettiva.
  8. Intelligenza Naturalistica: consiste nel saper individuare determinati oggetti naturali, classificarli in un ordine preciso e cogliere le relazioni tra di essi. Alcuni gruppi umani che vivono in uno stadio ancora “primitivo”, come le tribù aborigene di raccoglitori-cacciatori, mostrano una grande capacità nel sapersi orientare nell’ ambiente naturale riconoscendone anche i minimi dettagli.
  9. Intelligenza Esistenziale o Teoretica: rappresenta la capacità di riflettere consapevolmente sui grandi temi della speculazione teoretica, come la natura dell’universo e la coscienza umana, e di ricavare da sofisticati processi di astrazione delle categorie concettuali che possano essere valide universalmente. Questo tipo di intelligenza è maggiormente posseduta dai filosofi, e in una certa misura dai fisici.

Sebbene queste capacità siano più o meno innate negli individui, non sono statiche e possono essere sviluppate mediante l’esercizio. Inoltre, esse possono anche “decadere” con il tempo. Lo stesso Gardner ha poi menzionato il fatto che classificare tutte le manifestazioni dell’intelligenza umana sarebbe un compito troppo complesso, dal momento che ogni macro-gruppo contiene vari sottotipi.

Il mio modestissimo parere è che la scuola dovrebbe stimolare e far maturare in ogni bambino/adolescente tutte queste varie forme di “intelligenza” per avere una formazione di base il più possibile ampia e ben strutturata, affinchè ognuno possa poi trovare per istinto o scegliere consapevolmente la via maestra che percorrerà crescendo!

L.D.

Tags: ,