Quali saranno gli effetti della manovra?

http://affaritaliani.libero.it/politica/manovra-consumatori-150811.html

Manovra – Consumatori: “Perdita del potere d’acquisto da oltre 1300 euro a famiglia”

Lunedí 15.08.2011
“Una manovra di vera e propria macelleria sociale che farà pagare solo gli onesti e che avrà una pesante ricaduta sulle famiglie tra maggiori tasse e maggiori costi di sostituzione per servizi di welfare che non saranno più erogati dagli Enti locali per i pesanti tagli”. Questo il giudizio di Adusbef e Federconsumatori, che valutano in 1.365 euro l’anno la perdita del potere di acquisto per ogni famiglia. E giurano: “Oltre ad un maggiore malessere per le famiglie, la manovra comporterà una ulteriore caduta della domanda di mercato procurando un ulteriore colpo al sistema d’impresa, senza che, per altro, vi siano nella manovra impulsi per nuovi investimenti soprattutto nei settori innovativi. […]”.

_______________________________________________________________________________________________________

http://blog.panorama.it/economia/2011/08/24/punto-per-punto-la-manovra-finanziaria-della-discordia/

Punto per punto, la manovra finanziaria della discordia

claudiadaconto – 24 Agosto 2011

2,1 miliardi di euro nel 2011; 24 nel 2012; 50 nel 2013; 55 nel 2014. Totale: oltre 130 miliardi di euro. Una manovra senza precedenti, almeno per dimensioni, quella approdata ieri in commissione Bilancio al Senato e che l’Europa e i mercati ci chiedono di approvare il più in fretta possibile per non mancare l’obbiettivo del pareggio di bilancio nel 2013. Le divisioni interne a maggioranza e opposizione potrebbero però rallentare un iter che già appare accidentato visti i tanti nodi ancora da sciogliere. In particolare sono almeno tre le questioni su cui si rischia di dare il via libera a mezze soluzioni che scontentano tutti e non servono a nessuno: pensioni, contributo di solidarietà e tagli agli enti locali.
  • Pensioni

E’ uno dei nodi più dibattuti. Quello su cui si sta misurando tutta la distanza tra Pdl e Lega. Mentre per gran parte dei partito del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, con in testa i frondisti guidati dal sottosegretario all’Economia Guido Crosetto, l’unico modo per lasciare invariati i saldi della manovra senza gravare troppo sugli enti locali è anticipare l’innalzamento dell’età per l’uscita dal mondo del lavoro, il Carroccio ha categoricamente escluso ogni intervento in questo senso. Si tratterebbe, in sostanza, oltre che di anticipare l’innalzamento a 65 anni dell’età pensionabile delle donne, di far partire la cosiddetta “quota 97” già nel 2012, per cui un lavoratore dipendente potrà andare in pensione o con 36 anni di contributi e 61 di età o con 35 + 62 (un anno in più gli autonomi). Ciò farebbe risparmiare 400 milioni di euro già nel primo anno, ma già 1,2 miliardi nel 2013.
Oltre al Pdl, a favore si sono schierati Udc e Italia Futura, la fondazione del presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, sempre più vicino ad entrare direttamente in politica. Contrari Idv e Pd che propone invece di anticipare l’andata a regime della riforma Dini del ‘95 e l’uscita volontaria dal lavoro tra i 61 e i 68 anni. No deciso da parte della Cgil che per il prossimo 6 settembre ha indetto uno sciopero generale di 8 ore.

Ma vi pare questa una cosa giusta? Non è certo un provvedimento che guarda al futuro, si risparmierà pure nel breve termine, ma vorrei fare due piccole considerazioni:

  1. se si allungano i tempi di pensionamento, si allungherà anche il tempo necessario per entrare nel mercato del lavoro da parte dei giovani (e consideriamo il fatto che già ora la disoccupazione giovanile in Italia è la più alta d’Europa!)
  2. i lavoratori al termine della loro carriera costano anche di più alle aziende, mentre se potessero assumere lavoratori giovani il loro costo sarebbe molto inferiore ed i margini per le aziende aumenterebbero (e consideriamo che in questa fase di grave crisi economica le aziende stanno arrancando per poter andare avanti)

ICR

  • Comuni

I sindaci dei piccoli comuni, quelli sotto i 1000 abitanti condannati dalla manovra a sparire dalle carte geografiche, sono già sul piede di guerra. Ieri hanno manifestato a Torino (il Piemonte è la regione più coinvolta), venerdì saranno a Roma e il 29 agosto a Milano. In totale sarebbero 1.963 i centri da tagliare ma per Franca Biglio, presidente Anpci, l’associazione dei piccoli comuni, il loro costo per la collettività è pari a quello di 13 deputati “5,47 euro l’anno. Uno spreco?”. A dar man forte ai sindaci è soprattutto la Lega. Tutti d’accordo, invece, sulla cancellazione delle province nonostante qualche settimana fa una mozione dell’Idv fu affossata alla Camera grazie soprattutto all’astensione del Pd. Altra questione relativa agli enti locali è la sforbiciata da 7,4 miliardi sui trasferimenti statali ai comuni “non virtuosi”. Secondo l’Ifel, il centro studi dell’Anci, anche portando al massimo (0,8%) l’addizionale Irpef, il 60% dei sindaci saranno costretti ad aumentare le tariffe (a Milano, per esempio, è già stato ritoccato il costo del biglietto dell’autobus) e a ridurre i servizi. Tutte le forze politiche chiedono a gran voce di ridurre al massimo i tagli. Ma la coperta è corta e sarà difficile riuscirci soprattutto senza mettere mano alle pensioni.

Il Governo ci riprova: nei tagli ai costi della politica spicca l’abolizione delle Province sotto i 300.000 abitanti e l’accorpamento dei comuni sotto i 1000 abitanti. Peccato che, dopo neanche quindici giorni, le stime sui risparmi e sui tagli diventino sempre più approssimative e naturalmente sempre più al ribasso…

ICR
  • Patrimoniale

Apparsa e scomparsa a più riprese, è l’incubo di Silvio Berlusconi che finora ha sempre detto di non volerla per niente al mondo. Si tratterebbe, in sostanza, di mettere un’imposta dello 0,5% su tutto ciò che si possiede (case incluse) e non solo sul reddito. D’accordo con lui il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia mentre il suo predecessore Montezemolo la ritiene giusta per i patrimoni superiori ai 10 milioni di euro. Dalla sua parte la segretaria della Cgil Susanna Camusso. Nessun cenno ad essa nel decalogo presentato ieri dal Pd per una contro-manovra.

Grazie per renderci in questo modo la vita ancora più difficile, grazie per venire di nuovo a rubare preziose risorse a noi cittadini! Allego un estratto di un articolo di Maurizio Zipponi tratto dal sito di Italia Dei Valori (precisiamo di non essere comunque affiliati nè all’Idv nè ad altri partiti):
“la patrimoniale è una proposta pochissimo convincente che, all’atto pratico, si rivelerebbe quasi certamente controproducente. I patrimoni veri, quelli che effettivamente varrebbe la pena di tassare, sono nella stragrande maggioranza all’estero: nelle società offshore, a San Marino o negli altri paradisi fiscali. Per noi il punto rimane la battaglia all’evasione fiscale e in automatico la riduzione della tassazione sul lavoro, sia per l’impresa che investe, innova e assume a tempo indeterminato, sia per i redditi da lavoro a fascia bassa.

La patrimoniale riguarderebbe pertanto al 99% quei ceti medi e medio-bassi che di tasse già ne pagano in quantità. Il risultato sarebbe un’imposta che da un lato non risolverebbe il problema del debito, dall’altro verrebbe vissuta, e non a torto, come odiosa vessazione da una parte consistente della popolazione.

Se poi consideriamo la patrimoniale sotto il suo aspetto simbolico, che per molti versi è quello principale, ci sarebbero da assumere misure ben più significative e urgenti. Un esempio eloquente: oggi un operaio Fiat devolve al fisco come minimo il 23% del suo salario, al quale va aggiunto un ulteriore 10% per trattenute previdenziali. L’amministratore delegato Sergio Marchionne il cui stipendio annuo,  calcolato secondo parametri americani, tenendo conto delle stock options e delle azioni gratuite, si aggira intorno ai quaranta milioni di euro l’anno e paga al fisco una percentuale  del 12,5 sulla plusvalenza derivata dalla cessione delle azioni ricevute.

Non chiediamo che si arrivi al “pericoloso estremismo” del liberalismo classico, secondo cui le imposte dovrebbero essere calibrate progressivamente sulla base dei guadagni effettivi. Ci accontenteremmo della parità. Considereremmo una buona base di partenza un fisco che chiedesse a Marchionne e alla speculazione finanziaria la stessa percentuale che si esige agli operai, ai precari, agli artigiani, alla piccola e media impresa.

Sul piano simbolico sarebbe una rottura molto più profonda della patrimoniale una tantum. Sul piano concreto non penalizzerebbe fasce ampie di popolazione già tartassate da anni e decenni.”

ICR

  • Contributo di solidarietà

E’ l’altro nodo, insieme a quello sulle pensioni, di cui si discute di più. La proposta consiste nel chiedere a chi ha redditi superiori a 90mila euro di versare un contributo di solidarietà del 5% e a chi supera i 150mila del 10%. Per Idv e Pd è inaccettabile perché a sacrificarsi sarebbe il cosiddetto ceto medio (più che altro “medio-alto” visto che nessun operaio o impiegato arriva nemmeno a sfiorarli 90 mila euro), quello che ha sempre pagato regolarmente le tasse. Uniti nel voler abolire la proposta anche i “frondisti” del Pdl (da Scajola a Martino) e Italia Futura. Di provvedimento “indigeribile” parla anche Generazione Italia che fa riferimento al Gianfranco Fini. Come non detto dunque? Niente affatto. La soluzione potrebbe essere la rimodulazione del contributo in base al famoso “quoziente familiare”: indipendentemente da quanto si guadagna, paga di meno chi ha più figli a carico. A spingere in questa direzione soprattutto l’Udc

Una piccola nota che nessuno vuole dire: questo contributo di solidarietà sarebbe DETRAIBILE DALLE TASSE AL 50% !!!

ICR

  • Iva

Aumentarla o no? E di quanto? E su quali generi? Sono i dilemmi ancora non risolti sull’imposta indiretta che si paga quando si acquistano beni e servizi. E’ vista come la soluzione per eliminare o ridurre il contributo di solidarietà imposto al ceto medio. Ma se l’aumento dell’Iva riguardasse tutti i beni (da quelli alimentari in testa) allora sarebbe sempre il ceto medio a pagare, mentre se, come si dice, si intervenisse solo sui beni di lusso allora quasi tutti d’accordo, soprattutto la Cgil. Finora si è parlato di un aumento dell’1%, ma di questa mossa non c’è alcuna traccia nel decreto legge varato dal governo. A chiederla a gran voce è Confindustria secondo cui non è affatto vero, come sostiene invece Confcommercio, che un rialzo così limitato possa sortire effetti depressivi sui consumi. Di tutt’altro avviso i commercianti e il ministro del Turismo Brambilla.

Così chi pagherà? Ancora e sempre noi, naturalmente!!!

ICR

[…]

  • Caro-politica

Per arrivare a ridurre i costi della politica il decreto legge prevede di equiparare gli stipendi dei nostri parlamentari a quelli degli altri europei, un contributo del 10% dai quei senatori e deputati che hanno redditi superiori a 90mila euro e del 20% su redditi superiori a 150mila. Il vero nodo rimane però quello della riduzione del numero di scranni a Montecitorio e Palazzo Madama. Il Pd propone il dimezzamento secco. D’accordo sul tagli anche il Pdl ma comunque all’interno di un processo di revisione costituzionale che potrebbe avere tempi più lunghi di quanto in realtà l’opinione pubblica si aspetterebbe.

Un argomento di cui si parla sempre più spesso, ma fin’ora sono state solo chiacchiere…

ICR

 

Tags: ,